Migranti, nigeriane portate a Roma con bus e barconi costrette a prostituirsi: 11 arresti

Giovedì 14 Novembre 2019

Avrebbero «reclutato» giovani donne, anche minorenni, in Nigeria, che venivano trasportate in Libia con camion o bus e da lì, attraverso «barconi», raggiungevano le coste italiane. Una volta sbarcate le ragazze si allontanavano dai centri d'accoglienza per raggiungere le varie «ghost mommy» che le avviavano poi alla prostituzione nella Capitale. Sono 11 le misure cautelari che stanno eseguendo i poliziotti della Squadra Mobile a carico di altrettanti nigeriani.

“Squillo”, il gioco per gestire le prostitute diventa un caso politico: interviene anche la Boschi
 

Tra le accuse sfruttamento della prostituzione e riduzione in schiavitù. L'attività investigativa ha permesso di accertare la «rotta» seguita dagli organizzatori. Dalle prime ore di questa mattina, i poliziotti della Squadra Mobile di Roma stanno eseguendo 11 misure cautelari emesse dal gip di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di altrettanti soggetti di nazionalità nigeriana, responsabili a vario titolo ed in concorso dei reati di tratta di esseri umani, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione e riduzione in schiavitù.

Ultimo aggiornamento: 13:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA