Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, «sono il figlio del boss», non paga il conto e si fa dare l'incasso del ristorante: arrestato trentenne romano

Venerdì 18 Febbraio 2022
Roma, «sono il figlio del boss», non paga il conto e si fa dare l'incasso del ristorante: arrestato trentenne romano

«Sono il figlio del boss e non pago». Così aveva minacciato un ristoratore costretto, non solo ad annullare il conto, ma a consegnare l'intero incasso. Oggi l'uomo, un 31enne romano, è stato arrestato per estorsione aggravata. Lo scorso novembre al momento di pagare il conto in un ristorante della Capitale avrebbe minacciato il proprietario spacciandosi per figlio di un noto boss criminale.

Il boss albanese e la vendetta: «Uccidiamo il pm davanti al tribunale di Roma»

Dopo la denuncia del ristoratore sono scattate le indagini da parte dei Carabinieri della compagnia Parioli che hanno portato all'arresto del responsabile. Le minacce sarebbero avvenute dopo aver presentato due carte di credito scoperte alla cassa del locale, al momento del conto di oltre 1000 euro. A quel punto il cliente avrebbe preteso di non pagare, si sarebbe rivolto al titolare intimorendo lui e alcuni dipendenti presenti, presentandosi come figlio di un criminale, noto alle cronache e riferendogli di altre aggressioni ai danni di altri ristoratori che si erano rifiutati di aderire alle sue richieste.

Roma, il consigliere dem, la nobile romana e i legami con il boss della mafia: bufera nel IX Municipio

Scosso dal tono delle parole, dal fare minaccioso e dalla possibilità che l'uomo potesse avere anche un'arma, la vittima ha acconsentito ad annullare il conto della cena e a consegnargli l'intero incasso della serata, circa 2000 euro, per evitare ripercussioni. Dalla denuncia è partita l'indagine dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, che ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell'indagato grazie anche ad alcune testimonianze e alla visione delle registrazioni di alcune telecamere di sorveglianza.

Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio, 08:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA