Mauro Da Dalt, stroncato dalla malattia in pochi mesi: aveva 27 anni

Domenica 24 Gennaio 2021 di Claudia Borsoi
Mauro Da Dalt, stroncato dalla malattia in pochi mesi: aveva 27 anni

Giovane e con una vita davanti sé, ma il male scoperto solo pochi mesi fa, e così aggressivo, non gli ha lasciato scampo. In questa partita per la vita Mauro Da Dalt, grande appassionato di basket, ha dovuto alla fine arrendersi. Aveva solo 27 anni e la notizia del suo decesso ieri ha distrutto tutti coloro che lo conoscevano e che avevano percorso con lui un tratto della sua breve vita.

Perugia, muore a 28 anni in ospedale prima di un intervento all'anca: aperta indagine


LA TRAGEDIA
Dopo il diploma all’istituto alberghiero “Beltrame”, aveva trascorso un periodo all’estero, in Germania, dove aveva lavorato in una gelateria e con l’occasione studiato il tedesco. Quindi il rientro in Italia e il lavoro nel locale Fen&Kee di San Vendemiano, dove si era fatto conoscere ed apprezzare da tutti, colleghi e avventori. «Conoscerti è stato un onore, volerti bene assolutamente semplice – scrivono i colleghi del Fen&Kee - Grazie per l’amico prezioso che sei stato. Che dalle cime più alte e splendide che tanto ami, tu possa guardarci con il sorriso e proteggerci. Che la terra ti sia lieve. Ciao Mauro, ci mancherai infinitamente». In rete sono numerosi i messaggi di cordoglio e i ricordi che gli amici hanno voluto condividere. C’è chi lo ricorda ai tempi del basket, chi per la sua grande passione per la montagna. Un giovane educato, con il sorriso che scandiva sempre il suo volto. Una persona semplice e buona, attenta e sensibile, con una parola o un consiglio sempre pronti per i suoi amici. Con alcuni amici delle superiori i legami erano rimasti vivi anche dopo anni. Ad alcuni aveva raccontato di quel male che solo pochi mesi fa gli era stato diagnosticato. «Ce la farò» aveva confidato ad un caro amico. Lui ha lottato fino all’ultimo. «Il tuo entusiasmo e lo spirito vitale che hai sprigionato continuerà a sostenerci» dicono ora gli amici.


IL DOLORE
«Ho perso con lui un pezzo del mio cuore – le parole della mamma Teresa affidate ad un post su Facebook - Ho dovuto lasciarlo andare perché aveva sofferto troppo. Ora è sereno e lo immagino proprio tra le sue montagne. Sarà dura. Mauretto è il mio piccolo grande campione. Ci mancherai tantissimo». «Da fratello maggiore ho aiutato Mauro a camminare quand’era bambino, l’ho aiutato con i compiti per casa, passavamo ore e ore a chiacchierare la sera. Ci sono ricordi indelebili e mi si spezza il cuore sapere che non potrò più sentire la sua voce» le parole del fratello Matteo affidate ad un post. Mauro lascia i genitori, il fratello Matteo e la sorella Marta. Il funerale sarà celebrato martedì alle 10 nella chiesa di San Giacomo di Veglia.

Ultimo aggiornamento: 15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA