Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sara Pedri, ginecologa scomparsa: licenziato il primario

Lunedì 8 Novembre 2021
Sara Pedri, ginecologa scomparsa: licenziato il primario

Sara Pedri, il giallo della 32enne ginecologa scomparsa dallo scorso 4 marzo. Il primario di ginecologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento è stato licenziato per «elementi di criticità oggettiva nella gestione dell'unità operativa». I legali di Saverio Tateo sono però pronti a fare ricorso.

Leggi anche > Ciro Grillo e l'accusa di stupro, un bacio con la ragazza in un video presentato dalla difesa

Secondo l'azienda sanitaria e gli ispettori inviati a Trento dal Ministero della Salute, il dottor Tateo avrebbe sottoposto i propri assistenti a continue vessazioni, esasperando il clima lavorativo all'interno del reparto. Sara Pedri era stata trasferita dall'ospedale di Trento a quello di Cles, ma si era dimessa da quest'ultimo il giorno prima di sparire nel nulla.
 

I legali di Saverio Tateo sono pronti a fare ricorso contro il licenziamento: «Non ci sono fondamenti che lo giustifichino, lo proveremo davanti al giudice del lavoro». Le indagini però proseguono e la Procura ha iscritto nel registro degli indagati non solo il primario, ma anche la sua vice, Liliana Mereu, che era stata trasferita in un'altra strutture fuori Regione. I due sono accusati di maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzione a danno di 14 fra medici e operatori sanitari, tra cui la stessa Sara Pedri.

Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 11:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA