Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Signa, chi è Carla Cintelli uccisa in casa a 46 anni. Fermato il fratello, trovato nascosto in un capanno

Mercoledì 21 Settembre 2022
Signa, uccisa donna di 46 anni in una casa: i carabinieri hanno fermato il fratello

Si chiamava Carla Cintelli, 46 anni, la donna trovata morta nella sua abitazione  in via don Minzoni Signa, in provincia di Firenze. Per il suo omicidio è stato arrestato il fratello 50enne, Marco Cintelli. Sulla vicenda, dai contorni ancora non chiari è al lavoro il pubblico ministero della Repubblica di Firenze, che ha assunto la direzione delle indagini. Al momento gli investigatori propendono per un movente economico alla base dell'omicidio. 

La moglie del 50enne ne aveva denunciato la scomparsa 

A far partire le indagini è stata la moglie del presunto killer che ieri sera si era presentata nella caserma di Signa denunciandone la scomparsa. L'uomo si era reso irrintracciabile sin dalla serata di venerdì scorso dopo aver detto alla famiglia (moglie e figlio) che sarebbe andato a trascorrere qualche giorno a casa della sorella.

Pur avendo immediatamente attivato tutte le procedure del caso, vani sono risultati i tentativi di rintracciare da ieri sera tanto lo scomparso, tanto la sorella. In particolare, non solo non è stato possibile contattare i due per telefono, hanno spiegato gli investigatori, ma la stessa abitazione della donna è risultata chiusa e senza nessuno all'interno, già da quando gli stessi parenti hanno provato ad effettuare delle ricerche sul posto. Le indagini dei carabinieri hanno così sin da subito preso due direttrici: da una parte cercando di comprendere se l'uomo - che in passato parrebbe avere rappresentato propositi suicidi - avesse compiuto qualche gesto estremo, dall'altra se potesse essere successo qualcosa di grave anche alla parente, vista l'improvvisa ed ingiustificata irreperibilità della stessa.

Il 50enne trovato in un capanno 

Questa mattina il 50enne è stato poi rintracciato nascosto in un capanno nei pressi della propria abitazione. Immediatamente dopo i sospetti, accresciutisi nel corso delle ore, che fosse capitato qualcosa anche alla sorella sono divenuti realtà, quando si è fatto accesso all'abitazione della donna, trovandola senza vita. Saranno ora gli accertamenti scientifici e le ulteriori indagini che dovranno confermare l'eventuale ed ipotizzato coinvolgimento dell'uomo nell'omicidio, ricostruire nel dettaglio la dinamica dell'evento e chiarire le ragioni alla base dello stesso.

Alluvione Marche, mancata allerta meteo: nel mirino le telefonate di 5 funzionari regionali

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA