Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'allarme dell'Interpol per la proliferazione di armi nel mercato nero

Venerdì 3 Giugno 2022
Ucraina, l'allarme dell'Interpol per la proliferazione di armi nel mercato nero

L'invio massiccio di armi in Ucraina può essere un problema: quegli equipaggiamenti possono finire nel mercato nero ed essere usate per altri scopi, diversi dalla resistenza ucraina. È l'allarme lanciato dall' Interpol perché gli investigatori internazionali temono che le armi inviate all'Ucraina dagli alleati occidentali dall'inizio della guerra finiscano in mani di gruppi criminali in Europa. Il segretario generale dell'organizzazione Jurgen Stock ha espresso un avvertimento ai Paesi fornitori di armi: tracciate e controllate quelle armi per assicurarvi dove vanno. «L'ampia disponibilità di armi nel conflitto in corso porterà alla proliferazione di armi illecite nella fase successiva al conflitto», ha detto Stock, citato dai media internazionali.

Jürgen Stock ha dichiarato che, una volta terminato il conflitto, un'ondata di armi da fuoco e armi pesanti inonderà il mercato internazionale e ha esortato gli Stati membri dell'Interpol, soprattutto quelli che forniscono armi, a cooperare per la tracciabilità delle armi.

«I gruppi criminali cercano di sfruttare queste situazioni caotiche e la disponibilità di armi, anche quelle utilizzate dai militari, comprese le armi pesanti. Queste saranno disponibili sul mercato criminale. Nessun Paese o regione può affrontarla in modo isolato, perché questi gruppi operano a livello globale», ha detto.


Ha aggiunto: «Possiamo aspettarci un afflusso di armi in Europa e non solo. Dobbiamo essere allarmati e dobbiamo aspettarci che queste armi vengano trafficate non solo nei Paesi vicini ma anche in altri continenti».

Ha detto che l'Interpol ha esortato i suoi membri a utilizzare il suo database per aiutare a «tracciare e rintracciare» le armi. «Siamo in contatto con i Paesi membri per incoraggiarli a utilizzare questi strumenti. I criminali sono interessati a tutti i tipi di armi... fondamentalmente tutte le armi che possono essere trasportate potrebbero essere utilizzate per scopi criminali».

Gli alleati occidentali dell'Ucraina hanno inviato all'Ucraina spedizioni di armi militari di alto livello dopo l'invasione russa di oltre tre mesi fa. Martedì scorso, il presidente americano Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti forniranno a Kiev sistemi missilistici e munizioni avanzate. 

Stock, il segretario generale dell'organizzazione internazionale di polizia, che ha parlato all'Anglo-American Press Association di Parigi, ha affermato che il conflitto in Ucraina ha portato anche a un aumento dei furti di fertilizzanti su larga scala e a un incremento dei prodotti agrochimici contraffatti. 

Alla domanda sulla presunta violazione delle sanzioni e sul riciclaggio di denaro sporco da parte di oligarchi russi sottoposti a restrizioni internazionali, ha risposto che l'Interpol non sta indagando né su questi né su presunti crimini di guerra, riporta il quotidiano Guardian, poiché lo statuto dell'Interpol vieta all'organizzazione di essere coinvolta in attività politiche e deve rimanere neutrale. Ha anche detto però che l'organizzazione ha ricevuto una richiesta dall'Ucraina per contribuire all'identificazione delle vittime del conflitto. «Non siamo in Ucraina, ma potremmo dare il nostro contributo. Si tratta di un lavoro di identificazione classico», ha dichiarato Stock.

Ultimo aggiornamento: 4 Giugno, 08:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA