Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Accelera invece di frenare, l'auto finisce in mare: 17enne eroe si tuffa e salva l'amica | Video

Lunedì 20 Giugno 2022
il ragazzo intervenuto - un momento dell'incidente

Una manovra sbagliata, il piede che spinge sull’acceleratore invece di frenare e in pochi istanti l’auto finisce in acqua. Un tuffo che ha richiamato l’attenzione di decine di persone, ma solo un ragazzo di 17 anni ha avuto la prontezza di tuffarsi per aiutare l’automobilista mentre gli altri rimanevano a guardare l’auto che affondava nella baia. L’eroe della settimana è Anthony Zhongor che martedì scorso ha salvato Mia Samolinski di 18 anni finita in acqua a Patchogue Bay a Long Island, nello Stato di New York. I due ragazzi frequentano la stessa scuola ma non si conoscevano. L’istinto che ha fatto agire Anthony è stato più forte dell’amicizia: l'impellenza di aiutare una persona in difficoltà. «Bussava alla porta, bussava alla finestra, cercava di rompere la finestra... ero spaventato per lei», ha raccontato Anthony Zhongor alla Wabc. «Quindi mi sono tolto i vestiti e sono andato in acqua... non potevo guardare qualcuno soffrire davanti a me e non fare niente. Morire soffocando è una delle mie peggiori paure, quindi non riuscivo a immaginare che qualcuno stesse vivendo quell'incubo proprio davanti a me», ha aggiunto alla Cbs. 

Leggi anche > Salva le due figlie in difficoltà tra le onde: morto un papà 47enne. La tragedia davanti alla sua famiglia

Il giovane con grande modestia ha continuato ad insistere che «chiunque avrebbe preso quella decisione». In realtà un video delle telecamere di sorveglianza mostra una scena ben lontana dalle sue aspettative. Tanti fermi a guardare e nessuno che intervenga. Alcuni pare stessero riprendendo la scena come ha fatto intendere il padre della ragazza salvata, Charlie Samolinski. L’uomo, riporta il New York Post, ha incontrato Anthony per ringraziarlo e ha aggiunto: «C’era un gruppo di persone sul molo. Stavano filmando l’incidente, lui invece ha agito. Mia figlia oggi è qui grazie a lui: il vero eroe della giornata». L’incidente ha spiegato la polizia della contea di Suffolk è avvenuto per un errore: al volante della sua Subaru Outback la ragazza ha accidentalmente premuto il pedale dell'acceleratore invece dei freni. Il giovane eroe, neo recluta dei Marines, si è buttato ed è riuscito ad aprire la portiera del conducente, a tirare fuori la coetanea per poi aiutarla ad arrivare al sicuro al molo. «Si è avvicinata a me piangendo e mi ha ringraziato», ha ricordato il giovane eroe.

Ultimo aggiornamento: 22:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA