Hawaii, esplosione del vulcano Kilauea: terremoto e incendi bloccano le strade

ARTICOLI CORRELATI
Inferno alla Hawaii per una devastante esplosione sulla cima del vulcano Kilauea, con una eruzione che ha provocato una colonna di fumo e cenere alta oltre nove chilometri e destinata ad abbattersi sull'arcipelago.
 
 


L'esplosione è stata preceduta da una serie di terremoti, col più forte che ha raggiunto una magnitudo di 4.4. Le scosse hanno provocato danni alle strade e agli edifici.



L'esplosione è avvenuta dopo due settimane di intensa attività del vulcano e dopo l'apertura di oltre 12 crepe lungo il versante orientale del cratere che continua ad eruttare lava nell'area circostante. Al momento sono state distrutte 26 abitazioni e una decina di edifici.

A quanto riferiscono i media americani, la colonna di cenere è stata proiettata dall'eruzione esplosiva fino ad un'altezza di nove chilometri. La protezione civile delle Hawaii ha invitato la popolazione a rimanere al chiuso e a non mettersi alla guida, di fronte al pericolo della ricaduta della cenere. È stato anche diramato un allarme per i voli aerei, perchè evitino la zona. La nuova eruzione, avvenuta alle 5 del mattino ora locale, arriva dopo due settimane di intensa attività eruttiva.

Centinaia di persone hanno già dovuto abbandonare le loro case, alcune delle quali sono state distrutte dalle colate di lava
Il cratere si trova all'interno dell'Hawaii Volcanoes National Park che era già stato chiuso lo scorso 11 maggio in maniera precauzionale. Secondo gli esperti l'esplosione non dovrebbe avere conseguenze mortali, a patto che i residenti stiano lontano dal parco nazionale.


 


 

 
Giovedì 17 Maggio 2018, 19:16 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2018 23:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP