Studente romano eroe a Copenaghen: si tuffa nelle acque gelide di un canale e salva un 40enne

Il suo intervento tempestivo ha impedito che l'uomo fosse trasportato via dalla corrente e morisse congelato

Studente romano eroe a Copenaghen: il tuffo nella acque gelide del Christianshavns salva un 40enne
Studente romano eroe a Copenaghen: il tuffo nella acque gelide del Christianshavns salva un 40enne
Mercoledì 30 Novembre 2022, 17:54 - Ultimo agg. 19:35
3 Minuti di Lettura

Doveva essere una serata di divertimento per lo studente romano, che in pochi istanti è diventato un eroe. Luca Morelli, stava trascorrendo la sua serata con i compagni di corso in un pub lungo Christianshavns, quando ha visto un uomo scivolare nel canale. Il 26enne di Tor Bella Monaca che frequenta un master in Antropologia in Danimarca ha subito capito la ravità della situazione e, senza pensarci un attimo, si è tuffato nelle gelide acque del canale. 

Leggi anche > Roma, incidente sul Gra: camion si schianta contro un ponte: un morto, code e rallentamenti

Il salvataggio

 

A scivolare nelle acque è stato Lars un 40enne che rischiava di annegare. «L’ho visto con la coda dell’occhio, è stata una questione di secondi perché la testa era già quasi sott’acqua», ha raccontato il giovane al Messaggero.

Morelli si è tuffato senza esitare in acqua per salvarlo, in queste situazioni ogni secondo è importante per riuscire ad evitare l'annegamento. «Ho capito subito che quell’uomo era in difficoltà, con la corrente che lo spingeva lontano dalla riva». Insieme a un compagno lo studente di Tor Bella Monca ha preso una delle barchette parcheggiate sul greto, l'hanno spinta nel canale e hanno remato con tutte le forze. «Ho capito che non c’era più tempo. Mi sono tuffato e l’ho raggiunto a nuoto. Gli ho messo subito la testa fuori dall’acqua e poi l’ho portato verso riva. Per l’adrenalina non ho sentito neanche freddo lì per lì. La situazione era così concitata che non ho avuto tempo di pensare a nulla se non alla vita di quell’uomo», ha spiegato il giovane eroe. Fuori, nel frattempo, i soccorsi erano già operativi. «Mi hanno dato delle coperte termiche e dei vestiti asciutti. Ma sto benissimo», ha concluso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA