Coprifuoco, Viola: «Spostarlo alle 23 non cambia nulla sui contagi e farebbe respirare i ristoratori». Salvini: proposta nel prossimo Cdm

Martedì 20 Aprile 2021
Coprifuoco, Viola: «Spostarlo alle 23 non cambia nulla sui contagi e farebbe respirare i ristoratori»

«Spostare il coprifuoco di un'ora, alle 23, permetterebbe ai ristoratori che stanno investendo nelle strutture all'aperto di affrontare con maggiore fiducia la ripartenza. Così come aiuterebbe il mondo dello spettacolo, duramente colpito dalle restrizioni. E non cambierebbe invece nulla dal punto di vista dei contagi, a patto che continuino i controlli».

Così Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, interviene sui social promuovendo l'ipotesi in discussione nell'ambito dell'allentamento delle restrizioni anti-Covid. «Sono piccoli passi che vanno incontro alle esigenze di tante persone - sottolinea - e che farebbero la differenza». Il tweet arriva, probabilmente, dopo le proteste dei ristoratori di ieri che hanno bloccato l'autostrada. Ma anche dopo giorni di polemiche e pressioni per un allungamento dell'orario serale. 

Salvini: proposta in Cdm

La Lega intanto, presenterà la proposta di rinviare il coprifuoco alle 23, già dal 26 aprile,al prossimo Consiglio dei ministri? «Sicuramente, lo chiedono gran parte delle regioni e dei sindaci a prescindere dai colori politici». Così ha risposto il leader della Lega, Matteo Salvini ospite di 24 Mattino su Radio 24. e ha aggiunto: «Non è una richiesta di Salvini e della Lega, ma è fondata sui dati scientifici in miglioramento e sul buon senso. Lo stesso ministro Speranza, da questo punto di vista, qualche ascolto ha iniziato a darlo».

«Credo che una riflessione sull'allungare di un'ora» l'inizio del coprifuoco, «soprattutto consentendo la cena nei ristoranti all'aperto, possa essere una riflessione sulla quale approfondire. Credo che l'importante non è» se si allungherà l'orario già «dal 26 aprile o dal 1 maggio. Stiamo facendo delle riflessioni. L'importante è iniziare questa fase di riapertura, ridare speranza e fiducia ai nostri cittadini. Se l'allungamento» dell'orario in cui scatta il coprifuoco «arriverà una o 2 settimane dopo, non credo sia questo il problema. Credo che dobbiamo essere consapevoli che è iniziata una fase nuova». È quanto aveva spiegato, rispondendo a una domanda sulla possibilità di far slittare l'inizio del coprifuoco dalle 22 alle 23, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenuto a Buongiorno su Sky Tg24.

«Riconosco che il coprifuoco alle 22, se si vogliono aprire i ristoranti all'aperto la sera, è presto. Spostarlo avanti di un'ora? Se fossimo tutti cittadini modello, sì. Si potrebbe anche avere un allentamento della misura, ma ci vorrebbe fiducia. Fiducia che la gente non si assembri e non faccia quel che abbiamo visto nelle vie della movida in passato quando c'è stato un minimo di apertura. Fiducia che credo in questo momento non ci sia tantissimo». A evidenziarlo all'Adnkronos Salute è stato il virologo Massimo Clementi.

 

 

Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 08:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA