Influenza e virus, Rezza (Ministero della Salute): «Doppia lotta, prudenza per continuare a vivere normalmente»

Martedì 19 Ottobre 2021
Influenza e virus, Rezza (Ministero della Salute): «Doppia lotta, prudenza per continuare a vivere normalmente»

Mantenere alta l'attenzione, il virus non molla ancora. E alle porte potrebbe arrivare l'influenza, quindi la lotta sarà doppia. «Il Sars-Cov-2 potrà dare ancora piccole ondate o focolai qua e là, ma se continuiamo a mantenere prudenza nei comportamenti e proseguiamo la campagna vaccinale, possiamo continuare a vivere quasi normalmente». Lo ha detto, commentando l'andamento delle vaccinazioni anti Covid, Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione, Ministero della Salute, intervenendo a «Planetary Health e Antimicrobico resistenza», un confronto tenutosi oggi all'Ara Pacis e promosso da Pfizer e bioMérieu.

Nuova sottovariante Delta spaventa la Gran Bretagna: «Fino al 10% più contagiosa». Record di positivi, via alla terza dose

Continuare a vaccinare è fondamentale però «non basta». Lo dimostra, ha sottolineato, quanto sta accadendo in paesi «come Israele e Gran Bretagna, in cui si è vaccinato molto ma ci sono incidenza elevate di contagi: dobbiamo anche continuare a mantenere comportamenti individuali prudenti, mantenendo regole di distanziamento e mascherine in luoghi chiusi».

Green pass, ieri oltre un milione di certificati scaricati (e le terze dosi di vaccino superano le prime)

«Faccio gli scongiuri - ha proseguito Rezza -  perché quando le cose vanno bene bisogna essere ottimisti ma anche cauti. Abbiamo una situazione migliore rispetto a molti altri paesi europei, con 2000-3000 casi al giorni. Anche se facciamo molti test, il numero di positivi al Sars-Cov-2 in Italia resta stabile e a livelli confortanti».

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre, 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA