Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Langya, il nuovo virus cinese che proviene dal toporagno: già 35 contagiati. Colpisce fegato e reni

Martedì 9 Agosto 2022 di Mario Landi
Langya, il nuovo virus cinese che proviene dal toporagno: già 35 infetti. Colpisce fegato e reni

Si chiama Langya (LayV) ed è un nuovo virus che in Cina ha infettato 35 persone nelle province di Shandong e Henan. Fa parte della famiglia degli henipavirus ed è stato identificato nei tamponi faringei grazie all'analisi metagenomica e poi all'isolamento del patogeno. Descritta in uno studio condotto da scienziati di Cina e Singapore e pubblicato sul New England Journal of Medicine, questa infezione - una zoonosi - provoca sintomi come febbre, affaticamento, tosse e può compromettere anche la funzionalità epatica e quella renale. Il genere henipavirus è una delle zoonosi emergenti nella regione Asia-Pacifico. Sono stati osservati infatti altri virus di questa "famiglia", come Hendra (HeV) e Nipah (NiV), che possono infettare gli essere umani e che trovano nei pipistrelli il loro ospite naturale. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, gli henipavirus possono causare gravi malattie negli animali e nell'uomo e sono classificati con un livello di biosicurezza 4, ovvero con tassi di mortalità compresi tra il 40 e il 75%. Molto più elevati del Covid.

Lo studio sul nuovo virus

L'indagine che ha portato all'identificazione del nuovo virus è partita da una paziente 53enne ricoverata a fine 2018 per febbre e altri sintomi simil-influenzali in un ospedale cinese in cui era attiva la sorveglianza per infezioni potenzialmente di origine animale. Da allora sono stati identificati 35 pazienti infettati dal virus nelle province di Shandong e Henan. Tra i 26 pazienti infettati dal solo virus Langya e di cui i ricercatori riportano le condizioni cliniche, tutti avevano febbre, circa la metà soffriva di stanchezza, tosse, anoressia, dolori muscolari, carenza di globuli bianchi; circa un terzo aveva nausea, mal di testa, vomito, carenza di piastrine, alterazioni della funzionalità epatica; meno di 1 su 10 problemi ai reni. Non sono stati riportati decessi tra i 26 pazienti. Il virus non sembra capace di passare agevolmente da uomo a uomo: «Non c'era uno stretto contatto o una storia di esposizione comune tra i pazienti, il che suggerisce che l'infezione nella popolazione umana potrebbe essere sporadica», scrivono i ricercatori. Anche il tracciamento dei contatti dei pazienti non ha documentato nessun contagio. L'indagine tra gli animali entrati in contatto con i pazienti ha mostrato un'alta presenza del virus nei toporagni, che potrebbe essere un serbatoio naturale di LayV.

 

Virus Langya, le caratteristiche e i sintomi della malattia

Di questo specifico virus si conosce poco ma sembra provenire dal toporagno. Al momento non c'è una conferma del contagio tra uomo e uomo o se i 35 contagiati abbiano contratto l'infezione direttamente dagli animali. Langya causa febbre, spossatezza e tosse e colpisce anche reni e fegato. Attualmente non esiste un vaccino o un trattamento per l'henipavirus; l'unica terapia è la gestione delle complicanze.

«I casi di Langya henipavirus finora non sono stati fatali o molto gravi, quindi non c'è bisogno di farsi prendere dal panico», ha affermato Wang Linfa, professore del programma sulle malattie infettive emergenti presso la Duke-NUS Medical School che è stato coinvolto nello studio, aggiungendo che è tuttavia motivo di allerta poiché molti virus esistenti in natura hanno risultati imprevedibili quando infettano gli esseri umani.

 

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 07:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA