Papa Francesco celebra i 150 anni di Roma Capitale ricordando le parole di Paolo VI: l'unità fu provvidenziale

Lunedì 3 Febbraio 2020 di Franca Giansoldati
Papa Francesco celebra i 150 anni di Roma Capitale ricordando le parole di Paolo VI: l'unità fu provvidenziale

Città del Vaticano - «Roma avrà un futuro, se condivideremo la visione di città fraterna, inclusiva, aperta al mondo. Nel panorama internazionale, carico di conflittualità, Roma potrà essere una città d’incontro». Papa Francesco ha inviato un messaggio all’apertura delle celebrazioni dei 150 anni di Roma Capitale che ha affidato alla lettura del cardinale Pietro Parolin. Bergoglio citando lo storico discorso di Paolo VI ha ripetuto le medesime parole affermando che la «proclamazione di Roma Capitale fu un evento provvidenziale, che allora suscitò polemiche e problemi. Ma cambiò Roma, l’Italia e la stessa Chiesa: iniziava una nuova storia».

Roma Capitale, 150 anni senza fondi: la lettera del Papa

Nel messaggio ricorda l'occupazione nazista, l'aiuto che la Chiesa diede ai perseguitati politici ed ebrei, gli anni del Concilio Vaticano II, fino ad arrivare ai giorni nostri. 

«Non possiamo vivere a Roma “a testa bassa”, ognuno nei suoi circuiti e impegni. In questo anniversario di Roma Capitale, abbiamo bisogno di una visione comune. Roma vivrà la sua vocazione universale, solo se diverrà sempre più una città fraterna». 

 

Ultimo aggiornamento: 19:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA