Il vaccino diventerà obbligatorio? Cosa accade in Europa: favorevoli Austria, Grecia​ e Germania

Mercoledì 1 Dicembre 2021 di Diodato Pirone
Vaccino obbligatorio, l'Europa accelera: dopo Austria e Grecia , si muove anche la Germania

L'obbligo vaccinale si fa strada in Europa. Finora sono due i Paesi che l'hanno già adottato sia pure con modalità diverse, l'Austria e la Grecia, mentre il futuro cancelliere tedesco, Olaf Scholz che sta per insediarsi, si è già detto più volte favorevole.

IL CASO AUSTRIA

L'esecutivo di Vienna, guidato dal popolare di Alexander Schallenberg, ha deciso di far scattare l'obbligo di vaccino anti-Covid dal primo febbraio del 2022 per tutti coloro che hanno più di 14 anni. Una legge fisserà i dettagli dell'operazione.

Vaccino obbligatorio, la situazione europea

In base all'ipotesi allo studio dopo il secondo sollecito ufficiale i cittadini che continueranno a non vaccinarsi dovranno pagare una multa che potrà arrivare a 7.200 euro a seconda del reddito dichiarato. I tecnici governativi stanno anche considerando l'ipotesi di trasformare la multa, in alcuni casi, in un reato penale.

«Niente vaccino obbligatorio a tutti gli operatori sanitari americani»: lo schiaffo del giudice a Biden

LA GRECIA E LA TASSA NO VAX

Diverso il caso della Grecia dove l'obbligo vaccinale varrà per tutti i cittadini con più di 60 anni a partire dal 16 gennaio 2022. Anche in Grecia la pena per chi continuerà a non vaccinarsi sarà una multa ma si tratterà di una trattenuta di 100 euro al mese per tutti i mesi durante i quali il cittadino non accetterà la somministrazione. Il premier di centro-destra, Kyriakos Mitsotakis, ha parlato di una "tassa sanitaria" sui "no vax". I fondi raccolti saranno destinati agli ospedali che dovranno spenderli esclusivamente per dotarsi di attrezzature o materiali anti-Covid.

LA GERMANIA SULL'ORLO DELLA CRISI

E la Germania? Per capire se anche il più popoloso stato europeo adotterà l'obbligo vaccinale bisognerà attendere l'insediamento del nuovo governo composto da socialdemocratici, verdi e liberali. La situazione sanitaria in Germania è molto difficile con un livello di mortalità di 4 decessi al giorno da Covid-19 per milione di persone che è il più alto fra gli stati più grandi dell'Unione Europea. E' atteso nei prossimi giorni un pesante pacchetto di restrizioni con l'obiettivo di salvare il Natale ma  se il livello di vaccinazioni - ora fermo al di sotto del 70% - non si dovesse alzare è probabile che il nuovo cancelliere, il socialdemocratico Olaf Scholz, punti sull'obbligo. Non è una strada facile perché la Germania è uno stato federale con poteri molto forti assegnati ai laender in particolare in materia sanitaria. 

No vax, cosa succede nel mondo a chi non si vaccina? Dallo stipendio sospeso alle cure gratuite negate

Nelle ultime 24 ore - sempre in Germania -  sono stati certificati 67.186 nuovi casi di contagio da Coronavirus e 446 decessi attribuiti al Covid-19. Una settimana fa le nuove infezioni erano state 66.884 e i decessi 335. L'incidenza su sette giorni per 100mila abitanti è di 442,9 casi, ieri era stata di 452,2, una settimana fa di 404,5. Dall'inizio della pandemia il Rki ha accertato 5 903 999 infezioni, e 4 937 600 guarigioni.

 

Ultimo aggiornamento: 18:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA