Il Papa riceve il fondatore di Open Arms: la sorte dei migranti al centro del colloquio

ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Ci sono gesti che riescono a trasmettere eloquenti messaggi politici, anche in assenza di parole, dichiarazioni, proclami. Per esempio la decisione di Papa Francesco di incontrare a Santa Marta, in via del tutto riservata, il fondatore di Open Arms, una delle ong più impegnate nel Mediterraneo a soccorrere i migranti, e due sindaci, Manuela Carmela di Madrid e Ada Colau di Barcellona, entrambe attivissime a sostenere e realizzare una rete di amministratori europei favorevoli a studiare il modo di arginare il blocco migratorio deciso dai sovranisti, da Orban a Salvini.

Naturalmente il tema del colloquio è stato il tema dell'accoglienza dei migranti, come ha confermato successivamente il portavoce della Santa Sede, Alessandro Gisotti. Al Papa è stato illustrato il Manifesto condiviso delle città solidali. Nel titolo del documento c'è tutto: Il futuro dell'Europa riparte dai sindaci. Si capisce bene che si tratta di una visione ben chiara, di una scelta di campo e, in fondo, della difesa dei diritti umani in Europa. Qualcosa che al ministro Salvini non può che suonare indigesto, visto il blocco imposto alle ong e alle conseguenti polemiche scaturite. A sostenere questa piattaforma ci sono anche Siracusa, Palermo, Milano, Latina, Bologna. Open Arms fa sapere che il governo spagnolo vorrebbe riconsiderare il blocco delle navi ma che in fondo nutra timore.

«Credo che il primo ministro spagnolo Sanchez abbia paura dell’Europa, di rimanere l’unico Stato che rispetta le Convenzioni internazionali. Ha paura dei voti che stanno arrivando ai partiti di estrema destra. Alcuni deputati spagnoli hanno dichiarato che voteranno contro tutte le proposte del governo finché non verranno rilasciate l’Open arms e la nave di un’altra Ong» ha spiegato Riccardo Gatti, comandante e capomissione di Open Arms. La decisione di andare dal Papa a chiedere un appoggio a questo movimento di sindaci pro-migranti è maturata vedendo la coerenza con la quale Francesco continua a predicare. Servono regole, ma serve anche il cuore per non abbandonare l'umanità. 
Sabato 9 Febbraio 2019, 16:28 - Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 08:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-02-09 22:01:41
non vedo alcun papa, ma solo un politico.
2019-02-09 19:05:07
invece di preoccuparsi dei migranti africani e non, si preoccupasse dalla fuga di fedeli dalla religione cattolica per i comportamenti dei suoi preti e cardinali, ma anche dei suoi stessi comportamenti. si preoccupasse inoltre dei terremotati che da anni vivono al gelo e la passata settimana è morto un poveretto di ipotermia a -17 gradi.....non abbiamo alcun obbligo verso gli africani ma verso i nostri connazionali.
2019-02-09 22:29:39
Relativamente ai problemi che hai elencati con un inspegabile rancore sappi che 1) Bergoglio è il primo Papa che sta affrontando, con successo, il tema della pedofilia clericale; 2) non si rileva nulla di censurabile nei suoi comportamenti; 3) l'accudimento dei terremotati è un compito che spetta alla Protezione Civile e agli Enti Locali (Comuni, Re gioni). Per quanto di sua possibilità, ha messo nella disponibilità dei poveri che gravitano presso Piazza San Pietro alloggi, sanitari e docce perchè potessero lavarsi e avere una vita decente. Di carattere gioviale ed ospitale verso tutti (bianchi, neri, gialli, mulatti, meticci, ecc.), attraverso canali umanitari, ha ospitato e accolto 12 famiglie di immigrati predisponendo per loro tutto quello che occorre per una vita decorosa.
2019-02-09 17:01:13
Durante il viaggio di ritorno da panama il papa, a richiesta di una giornalista sul problema migranti, disse che i governanti dovevano essere molto attenti nell'accoglienza ed aggiunse che grecia, italia e turchia già avevano dato molto per quelle che erano le loro possibilità. Altro non disse .

QUICKMAP