Roma, tenta il suicidio da ponte Sublicio: lo salva un carabinere trattenendolo per la cintura

Venerdì 25 Giugno 2021
Tenta il suicidio da un ponte sul Tevere: lo salva un carabinere trattenendolo per la cintura

Prova a gettarsi dal ponte Sublicio sul Tevere, a Roma, ma interviene un carabiniere e lo salva tenendolo per la cintura dei pantaloni. È accaduto ieri sera, poco dopo le 20, quando una pattuglia di carabinieri della stazione Aventino stava controllando la zona tra Porta Portese e il quartiere Testaccio della Capitale. L'uomo, un romano di 49 anni, con pregresse vicissitudini psichiatriche, aveva anche contattato il 118 in forte stato di agitazione e dichiarando di volersi suicidare.

Sardegna, salva dall'annegamento figlia e due ragazzine: 60enne muore d'infarto ad Arbus

Il maresciallo caposervizio, appena arrivato e sceso dall'auto, si è precipitato verso l'uomo, nel frattempo salito con le ginocchia sul parapetto con il busto proteso verso il fiume. Il carabiniere è quindi riuscito a trarlo in salvo trattenendolo per la cintura dei pantaloni. Nonostante la resistenza dell'uomo, che in tutti i modi ha tentato di spingersi in avanti, il militare, con l'aiuto dell'altro carabiniere, è riuscito a mettere in sicurezza l'uomo.

Toscana, 15enne ferrarese scompare e viene ritrovato a Pistoia: aveva attraversato l'intera regione in bicicletta

A quel punto la coppia di carabinieri ha dovuto difendersi dal 49enne che ha iniziato a dimenarsi e a provare a sferrare calci e pugni. L'uomo, quindi, è stato definitivamente bloccato e con il supporto di un'altra pattuglia di carabinieri, sedato e successivamente trasportato in ambulanza al pronto soccorso ospedale San Camillo, per una valutazione psichiatrica.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA