Incendio a Castel San Giorgio:
bruciano rifiuti sul proprio terreno

Domenica 20 Settembre 2020 di Nicola Sorrentino

Danno fuoco su di un terreno agricolo, di loro proprietà, dove sono stati depositati rifiuti: la polizia municipale di Castel San Giorgio ha denunciato tre persone. Si tratta degli affittuari del suddetto terreno e dell'individuo che materialmente ha appiccato le fiamme. I dettagli dell'operazione risalgono al 15 settembre scorso, quando la polizia locale agli ordini del comandante Giuseppe Contaldi era intervenuta in località Paterno, a Castel San Giorgio. Nella zona, che risulta essere sottoposta a vincolo paesaggistico, era stato individuato un incendio di rifiuti. Le fiamme erano arrivate fino ad una collina, mettendo a rischio anche diverse abitazione. Con la nube di fumo nero ben visibile a lunga distanza dal punto dove era stato appiccato il fuoco.

LEGGI ANCHE Incendio a Sarno, brucia il monte Saro

Da un sopralluogo, gli agenti avevano trovato rifiuti di varia natura in un terreno agricolo. L'area era stata "adattata" a deposito e discarica abusiva. Sul posto erano giunti i vigili del fuoco del fuoco e la protezione civile. L'intervento congiunto, insieme agli uomini della Sma Campania, aveva permesso di circoscrivere e gestire l’incendio, dopo diverse ore che era stato generato. Poi le indagini per risalire al colpevole o ai colpevoli. Il lavoro investigativo ha permesso di identificare gli affittuari del terreno e la persona che aveva presumibilmente appiccato l’incendio. Tutti sono stati denunciati a piede libero all'autorità giudiziaria. Gli agenti hanno poi sequestrato su delega della Procura di Nocera Inferiore il terreno e il materiale che vi era depositato, in sfregio alla legge in materia. Tra questi, c'erano scarti vegetali, pneumatici, amianto, plastica, calcinacci e elettrodomestici di tipo industriali in stato di abbandono. Sul terreno erano inevitabilmente visibili anche numerose tracce di cenere derivante dalla combustione di plastica e legno. 

Ultimo aggiornamento: 13:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA