In Costiera ressa per gli autobus
tra studenti e turisti: caos al capolinea

In Costiera ressa per gli autobus tra studenti e turisti: caos al capolinea
di Mario Amodio
Sabato 1 Ottobre 2022, 18:46 - Ultimo agg. 18:47
4 Minuti di Lettura

È ancora caos in Costiera per salire sui bus di linea che collegano i comuni della fascia pedemontana con Salerno e Sorrento. Anche oggi al capolina di Amalfi è stata ressa tra turisti e studenti per accaparrarsi un posto a sedere. Una situazione che ormai si protrae da quasi un mese e cioè dall'inizio dell'anno scolastico.

Molti genitori hanno lamentato a più riprese l'impossibilità dei loro figlioli a salire sui bus, molti dei quali stracolmi già alla partenza dal capolinea di Amalfi. E nonostante l'interessamento della conferenza dei sindaci che ha spostatto la problematica su un tavolo tecnico con Regione Campania e Sita, per l'aumento delle corse, al momento non ci sono sviluppi.

Dopo l'ennesima giornata di caos e di disagi per il trasporto pubblico su gomma è intervenuto sull'argomento il Distretto turistico della Costa d'Amalfi che attraverso il suo presidente Andrea Ferraioli chiede a nome del comparto turistico un intervento concreto al vettore Sita Sud Trasporti, curatore dei collegamenti via terra in Costiera amalfitana.

LEGGI ANCHE Costiera amalfitana, è caos trasporti: studenti appiedati, ressa per un bus

«Le scene di ressa e tensioni tra turisti e studenti alle quali stiamo assistendo quotidianamente sono insostenibili per i residenti e sono un pessimo biglietto da visita con i nostri ospiti internazionali - scrive in una nota Ferraioli- Lasciare che il problema si trascini, aspettando che a fine autunno diminuisca il numero dei turisti, non è una soluzione perché nel giro di pochi mesi comincerà una nuova stagione di alti numeri. Al di là dell’incontro di lunedì in Regione per arginare la situazione attuale, se non si interviene programmando ci saranno sempre nuovi picchi di affluenza non gestiti che scateneranno resse e malumori».

A determinare il caos è infatti la scarsità di corse negli orari di ingresso e di uscita dalle scuole rispetto al numero di viaggiatori, la presenza di un solo bus sulla tratta Amalfi-Positano in orario di uscita, la costante presenza di turisti in movimento attraverso la Costiera nelle ore centrali della giornata, si stanno sommando a creare un avvio di autunno difficile per gli utenti del servizio pubblico di mobilità su gomma. Da un lato i ragazzi il cui diritto allo studio deve essere tutelato anche attraverso garanzie di mobilità, dall'altro i visitatori che sono vitali per un territorio che vive di turismo.

«Senza programmazione ci stiamo consegnando ai disagi cronici. In un quadro generale nel quale sono certi i numeri e gli orari degli studenti, oltre che le tratte da loro più utilizzate, in un quadro nel quale per di più già si è fatto un incontro sul tema con la Conferenza dei Sindaci, non vedere nel tempo soluzioni che vadano incontro a una richiesta di mobilità e di corse è sconfortante - coclude Ferraioli - Stiamo parlando di servizi che, vista la quantità di gente che resta giù dai bus, sono già venduti. Stando così le cose, ciò che il comparto turistico della Costa d’Amalfi chiede attraverso il Distretto Turistico è che si programmi per il 2023. Si calibrino corse e tratte sulla base dei flussi in attesa in modo che non diventino motivo di tensione per la popolazione e di cattivi ricordi per i visitatori. Come Distretto Turistico siamo disposti a collaborare condividendo dati e proiezioni sulle presenze, in modo da arrivare preparati al nuovo anno. O si andrà incontro ad una stagione di furore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA