Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nocera, sequestrato un milione ad azienda per crediti d'imposta inesistenti

Sabato 28 Maggio 2022
Nocera, sequestrato un milione ad azienda per crediti d'imposta inesistenti

I finanzieri del Comando provinciale di Salerno hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di oltre 940mila euro, emesso dal gip del Tribunale di Nocera Inferiore, nei confronti di una società del settore logistico e del suo legale rappresentante.

Le indagini del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Salerno sono scattate a seguito di un'analisi di rischio del Nucleo speciale Entrate della Guardia di Finanza di Roma, relativa ai contribuenti che hanno utilizzato in compensazione crediti d'imposta riconosciuti a fronte dello svolgimento di attività di ricerca e sviluppo, una previsione normativa concepita allo scopo di stimolare l'innovazione e la competitività d'impresa mediante la ricerca interna («intra-muros»), ovvero avvalendosi di soggetti esterni («extra-muros»).

Video

Secondo quanto emerso, l'amministrazione della società, residente nell'agro nocerino-sarnese, avrebbe indebitamente utilizzato crediti in realtà inesistenti, riconducibili a un'attività del tutto priva dei caratteri di novità, creatività, sistematicità, trasferibilità e riproducibilità previsti dalla disciplina di settore. Tra l'altro, nel corso degli accertamenti, i militari hanno appurato che le relazioni illustrative in cui erano riassunte le ricerche svolte dall'azienda non presentavano contenuti innovativi essendo anzi state mutuate da altri studi, analisi di settore o articoli divulgativi. Le Fiamme Gialle hanno così provveduto al sequestro di liquidità finanziarie per oltre 940mila euro, trovati su un conto corrente della società.

© RIPRODUZIONE RISERVATA