Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Via alle operazioni di recupero dello scafo
incendiatosi e affondato a Li Galli

Sabato 6 Agosto 2022 di Mario Amodio
Le operazioni di recupero dello scafo

Iniziate questa mattina al largo di Positamo le operazioni di recupero del motoscafo affondato davanti all'arcipleago de Li Galli esattamente quindici giorni fa a seguito di un incendio. Il piano di recupero presentato dall'armatore è stato autorizzato in stretta collaborazione e in piena sintonia con la Capitaneria di Porto di Salerno e ha beneficiato del via libera del parco marino di Punta Campanella che ha operato in stretta collabarazione con la Guardia Costiera.

Il motoscafo, modello Pershing di 72 piedi, prese improvvisamente fuoco mentre si trovava nei pressi degli isolotti che furono di Lonide Massine prima e di Rudolf Nureyev poi. A bordo otto persone: due di equipaggio e sei turisti stranieri che furno tratti in salvo da una imbarcazione che si trovava a transitare nello specchio di mare. Colato a picco dopo il violneto incendio che lo distrusse (la nuvola di fumo nero e denso si spinse addirittura verso Amalfi) lo scafo è stato recuperato nella giornata di oggi grazie all'ausilio di un pontone e personale subacqueo.

Video

"Abbiamo immediatamente diffidato la società proprietaria del relitto a rimuoverlo nel più breve tempo possibile dal fondale marino e ora le operazioni di recupero sono in pieno svolgimento - sottolinea il Direttore del parco marino punta campanella attraverso la pafina facebook - Abbiamo attentamente visionato il piano di recupero, insieme alla Capitaneria di Porto di Salerno che ringraziamo e con la quale c'è stata piena sintonia per la risoluzione positiva di un incidente spiacevole che ha messo a rischio la tutela ambientale di un sito pregevole".

Sempre attravsro i propri profili social il Parco marino rende noto che controlli serrati si sono svolti nell'Area Marina Protetta Punta Campanella per vigilare sul rispetto del codice della navigazione. Impegnati mezzi navali veloci e anche un elicottero. I Carabinieri hanno passato al setaccio il mare tra Punta Campanella e Capri identificando 63 persone e comminando 12 sanzioni.

Due le imbarcazioni multate per noleggio abusivo. Diverse le sanzioni per il maancato rispetto della distanza di sicurezza dalla costa, due invece per navigazione sotto costa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA