Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio a zi Peppe, ultimo custode del Fiume Sarno

Sabato 6 Agosto 2022 di Rossella Liguori
Giuseppe Montoro

E’ venuto a mancare oggi, Giuseppe Montoro, 79 anni, di Lavorate a Sarno, da tutti conosciuto come zi Peppe, custode del Fiume Sarno. Un simbolo, l’ultimo degli ambasciatori della bellezza del fiume che nasce con acque cristalline nell’omonima città, dalle tre sorgenti. “Io qui ci sono nato, vorrei vedere sempre tutta questa bellezza e farla conoscere a tutti. Il Fiume Sarno è come una bella donna, ma va trattata bene”.

L’amore per la sua terra, per il suo fiume. Le mani caricate di fatica e negli occhi meraviglia e coraggio di un uomo che non si era mai arreso.  Il custode di Rio Santa Marina, un messaggero della bellezza della città di Sarno.  La passione per la poesia, rime che scriveva sulle foglie cadute dagli alberi, L’allegria con i suoi balli della tradizione al ritmo delle nacchere. E l’amore sconfinato per un angolo di paradiso in terra.  

Video

Una delle tre sorgenti del fiume Sarno, dalle acque cristalline, dove nascono, crescono e si tutelano le biodiversità. Le sue passeggiate, i suoi racconti appassionati ed appassionanti. “Io invito tante persone a venire a vedere questo posto. Devono conoscere quanta bellezza abbiamo. Qui c’è pace, serenità. Dobbiamo prendercene cura”. Le storie di chi ha macinato vita con il lavoro, il sacrificio. Tanti i messaggi di cordiglio dai comuni dell’agro sarnese nocerino e dei paesi del vesuviano, tutti conoscevano zi Peppe, contadino poeta, che conosceva ogni angolo del fiume, delle sponde, dei territori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA