Picchia e lega al letto la compagna,
27enne in cella: «Era geloso»

di Nicola Sorrentino

0
  • 16
Per due anni avrebbe maltrattato, offeso e picchiato la propria compagna, solo per gelosia. Arrivando persino a chiuderla in camera, senza farla uscire, e a legarla al letto di casa. Ieri è finito in carcere, dopo un’indagine condotta dai carabinieri della stazione di Nocera Inferiore. A finire in manette R.A., nocerino di 27 anni senza precedenti penali, arrestato dai militari a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Leda Rossetti. La coppia, non sposata, conviveva nello stesso appartamento, ubicato a ridosso del centro cittadino. Secondo la denuncia sporta dalla ragazza, di due anni più giovane del suo compagno, il 27enne l’avrebbe maltrattata per almeno due anni. In alcuni casi, la violenza sarebbe stata consumata anche alla presenza di una bambina piccola, figlia della coppia. La vittima, in questo caso, sarebbe stata convinta dagli stessi vicini a denunciare il compagno. Gli episodi di maltrattamenti sarebbero stati noti anche ad altre persone, preoccupate per la sorte della giovane. 
Venerdì 22 Febbraio 2019, 06:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP