Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tenta di evadere dalla cella ma scivola
e batte la testa: detenuto in ospedale

Venerdì 23 Ottobre 2020 di Viviana De Vita
Tenta di evadere dalla cella ma scivola e batte la testa: detenuto in ospedale

Prima ha appiccato il fuoco all’interno della struttura per migranti dove era stato accolto poi, una volta in carcere, ha fatto la stessa cosa rischiando di soffocare a causa dei fumi sprigionatisi nell’intero reparto e, infine, mercoledì pomeriggio è finito in ospedale dopo essersi arrampicato all’interno della sua cella dove è ristretto in regime di isolamento. Voleva raggiungere un’alta finestra l’appena 18enne gambiano arrestato il 17 ottobre scorso dai carabinieri, ma è precipitato rovinando sul pavimento della cella. A salvarlo sono stati ancora una volta gli agenti della polizia penitenziaria, diretti dal comandante Gianluigi Lancellotta, che lo hanno immediatamente trasportato al pronto soccorso del Ruggi dove è stato subito medicato e, solo in tarda serata è rientrato a Fuorni dove ora è piantonato giorno e notte per evitare che possa commettere altri atti inconsulti. Quando la settimana scorsa è finito dietro le sbarre del carcere dopo aver appiccato il fuoco, all’interno della casa di accoglienza c’erano cinque minori di età compresa tra i sette e i 17 anni. L'episodio avrebbe quindi potuto sfociare in tragedia

Ultimo aggiornamento: 16:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA