Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Truffe con carte di credito rubate,
maxi inchiesta nell'Agro nocerino

Venerdì 1 Luglio 2022 di Nicola Sorrentino
Truffe con carte di credito rubate, maxi inchiesta nell'Agro nocerino

La Procura di Nocera Inferiore sta conducendo un'indagine per truffa aggravata in concorso, frode informatica, ricettazione, sostituzione di persona, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi. Non solo, ci sono anche ipotesi di reato quali indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito. Sullo sfondo un giro di carte rubate e clonate, con danni causati per migliaia di euro. Vi sarebbero attenzionate le posizioni di almeno 40 persone, residenti nell'Agro nocerino sarnese, ritenuti complici di ulteriori soggetti residenti nel napoletano. L'ipotesi d'accusa della Procura di Nocera Inferiore parte dall'esistenza di un'associazione a delinquere. 

Il gruppo si sarebbe mosso attraverso la rete e dopo una serie di furti, avrebbe clonato titoli di credito per poi effettuare prelievi presso gli sportelli automatici di diverse banche in provincia di Salerno. Le carte di credito sarebbero state utilizzate anche per comprare telefoni cellulari, a loro volta rivenduti sul mercato. Sotto la lente d'ingrandimento ci sono anche operazioni di conti correnti violati attraverso la tecnica del phishing, un tipo di truffa attraverso la quale si cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile in una comunicazione digitale. Anche in questo caso, la truffa serviva a reperire soldi, poi caricati sulle carte di credito rubate. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA