Covid, la Cina si vede come “modello" e il virus diventa materia a scuola: «Prevenzioni e azione, così abbiamo vinto»

Venerdì 13 Novembre 2020 di Michele Galvani
Cina, il virus diventa materia a scuola: «Prevenzioni e azione, così abbiamo tutelato la nostra salute»

In Cina la vittoria (momentanea) contro il Covid diventa materia a scuola. I contenuti approvati dal governo cinese sulla pandemia e lo "spirito combattivo" della risposta del paese «saranno aggiunti al programma scolastico», ha detto il ministero dell'istruzione cinese, nel tentativo di sancire «la narrativa del successo» contro il virus. Il contenuto verrà aggiunto alle classi delle scuole elementari e medie di biologia, salute e educazione fisica, storia e letteratura, e «aiuterà gli studenti a comprendere il fatto fondamentale che lo Stato mette sempre al primo posto la vita e la sicurezza della sua gente», ha fatto sapere il ministero nei giorni scorsi. «Gli studenti apprenderanno le figure chiave e le azioni emerse durante gli sforzi di prevenzione e controllo dell'epidemia. Impareranno a promuovere la consapevolezza e la dedizione del pubblico». Intanto, la Cina si prepara comunque a una nuova emergenza: stadi, grandi sale, musei, sono pronti a diventare luoghi temporanei per le eventuali quarantene nel caso in cui il Covid tornasse a bussare questo inverno.

 

 

All'inizio di quest'anno il Congresso nazionale del popolo ha trasmesso una proposta per i successi da inserire nel programma scolastico, e il contenuto dello "spirito combattivo" cinese era già stato incorporato in alcune materie delle scuole superiori, ha riferito Sixthtone. Sebbene ci sia stata una repressione interna sulla risposta al virus della Cina, in particolare i primi tentativi di coprire l'epidemia e mettere a tacere gli operatori sanitari che hanno cercato di parlare, il governo ha presentato i suoi sforzi come un enorme successo nel contenere il Covid-19. A giugno ha pubblicato un rapporto che elogia il proprio successo e nega che ci sia stato un insabbiamento. Il paese ha in gran parte contenuto il virus e le epidemie sporadiche - l'ultima nella regione dello Xinjiang - sono state rapidamente represse con blocchi locali e test di massa.

Covid, la virologa cinese disse: virus creato in laboratorio. Gli scienziati: «Ha fatto copia e incolla da un blog»

Ma ci sono preoccupazioni per l'avvicinarsi dell'inverno, e la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma della Cina ha invitato i governi locali a «guidare le famiglie» nella conservazione delle forniture mediche prima di un aumento del rischio di una recrudescenza di Covid e dell'influenza. Nella provincia del Guangdong, la commissione sanitaria ha pubblicato un elenco di 33 articoli essenziali per le famiglie di cui fare scorta, da mascherine e tamponi antibatterici a materiale di pronto soccorso e forniture di emergenza come biscotti, acqua, corda di fuga, fischietti e torce elettriche. Pechino, Jinan, Ningbo e altre città hanno emesso raccomandazioni simili alle famiglie.

Covid, il miracolo di Taiwan (23 milioni di abitanti): «Da 200 giorni nessun positivo senza chiusure né coprifuoco»

Covid, il racconto di un italiano a Shanghai: «Il mio ristorante pieno da un mese, senza restrizioni e lockdown»

Nel frattempo, ospedali e cliniche stanno anche accumulando scorte di emergenza, compresa la preparazione di stadi, sale espositive e altri luoghi pubblici per la possibilità di essere trasformati in reparti di quarantena temporanea. Le autorità della provincia di Zhejiang hanno affermato che entro la fine di quest'anno ogni distretto o città dovrebbe avere non meno di due grandi sedi che possono essere rapidamente convertite in spazi medici di emergenza. Gli elenchi dei rifornimenti di emergenza hanno spinto gli utenti di Internet a speculare sul fatto che le navi da guerra statunitensi si stessero avvicinando alla costa meridionale della Cina, mentre i residenti fuori dal paese hanno chiesto se i funzionari cinesi potessero prepararsi alla guerra. Il Global Times, gestito dallo stato cinese, ha respinto le voci. «È fondamentale avere le scorte familiari necessarie in tempo di guerra, ma una guerra non accadrà nei prossimi anni», ha detto al giornale Song Zhongping, un commentatore militare. La Cina ha segnalato un totale di 86.070 casi dall'inizio della pandemia, con un numero di morti di 4.634. Negli ultimi giorni si registrano 14 infezioni «importate», 6 asintomatici e 1 caso sospetto.

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA