Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dieta a intermittenza, non conta a che ora mangi ma quanto mangi, gli scienziati d'accordo: «Non funziona»

Venerdì 22 Aprile 2022
Dieta a intermittenza, non conta a che ora mangi ma quanto mangi, gli scienziati d'accordo: «Non funziona»

La dieta a intermittenza, che da qualche tempo spopola tra i vip e sul web, in realtà non produrrebbe alcun effetto secondo gli scienziati. L'idea di dimagrire in questo modo è sembrata subito molto allettante perché limita l'alimentazione a un periodo compreso tra le sei e le otto ore al giorno, durante le quali puoi mangiare tutto quello che vuoi. Gli studi effettuati sui topi sembravano supportare i benefici della cosiddetta dieta a tempo limitato e anche piccoli studi su persone con obesità avevano mostrato buoni risultati nella perdita di peso.  Ma ora un rigoroso studio di un anno in cui le persone hanno seguito una dieta ipocalorica tra le 8:00 e le 16:00 o hanno consumato lo stesso numero di calorie in qualsiasi momento durante il giorno non ha rilevato nessuna differenza . La conclusione, ha affermato il dottor Ethan Weiss, ricercatore dietetico presso l'Università della California, San Francisco è che «non c'è alcun vantaggio nel mangiare in un arco temporale della giornata ristretto».

Dieta dopo Pasqua, ecco come tornare subito in forma

Lo studio, pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine, è stato condotto da ricercatori della Southern Medical University di Guangzhou, in Cina, e ha incluso 139 persone con obesità. Le donne mangiavano da 1.200 a 1.500 calorie al giorno e gli uomini da 1.500 a 1.800 calorie al giorno. Per garantire la conformità, ai partecipanti è stato richiesto di fotografare ogni pezzetto di cibo che mangiavano e di tenere dei diari alimentari. Entrambi i gruppi hanno perso peso - una media di circa 14-18 libbre - ma non c'era alcuna differenza significativa nella quantità di peso perso con nessuna delle strategie dietetiche. Inoltre, non ci sono state differenze significative tra i gruppi nelle misure di circonferenza della vita, grasso corporeo e massa corporea magra. Gli scienziati, inoltre, non hanno riscontrato differenze in fattori di rischio come i livelli di glucosio nel sangue, la sensibilità all'insulina, i lipidi nel sangue o la pressione sanguigna.

Metabolismo lento? Ecco i 4 cibi per perdere peso rapidamente

«Questi risultati indicano che solo la riduzione calorica ha prodotto benefici ma non l'assunzione del cibo in determinate ore della giornata» hanno concluso il dott. Weiss e i suoi colleghi. Il nuovo studio non è il primo a testare un'alimentazione limitata nel tempo, ma gli studi precedenti spesso erano più piccoli, di durata più breve e senza gruppi di controllo. Quella ricerca tendeva a concludere che le persone perdevano peso mangiando solo durante un periodo di tempo limitato durante il giorno. Il dottor Weiss stesso era un vero sostenitore del mangiare a tempo limitato e disse che per sette anni aveva mangiato solo tra mezzogiorno e le 20:00.

In una ricerca precedente, lui e i suoi colleghi hanno chiesto ad alcuni dei 116 partecipanti adulti di mangiare tre pasti al giorno, con spuntini se avevano fame, e ad altri è stato chiesto di mangiare quello che volevano tra mezzogiorno e le 20:00 I partecipanti hanno perso una piccola quantità di peso — una media di due libbre nel gruppo che mangiava a tempo limitato e 1,5 libbre nel gruppo di controllo, una differenza che non era statisticamente significativa. 

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA