D&G e Tornatore ambasciatori della Sicilia: nelle piazze dell'Isola di film “Devotion” con le musiche inedite di Morricone

Giovedì 30 Luglio 2020 di Stefania Cigarini
D&G e Tornatore

Dolce&Gabbana, Giuseppe Tornatore, Ennio Morricone: la Regione Sicilia, rappresentata dal governatore Nello Musumeci, ha scelto un brand internazionale del Made in Italy a forte vocazione isolana, il regista premio Oscar che da sempre canta l’Isola dove è nato e il più famoso compositore di colonne sonore (e molto altro) recentemente scomparso. Tutto per farsi pubblicità. 

È del 30 luglio 20202  l’annuncio che la Regione Sicilia ha scelto il film “Devotion” di Tornatore, con brani inediti del Maestro Morricone (che con Peppuccio aveva un sodalizio filiale oltre che professionale), prodotto da D&G per promuovere il prorio territorio e le peculiarità dell'Isola.

Il film, presentato in anteprima mondiale il 18 luglio 2020 al Teatro Antico di Taormina, ora sarà a portata di grande schermo anche per i comuni mortali grazie ad un progetto itinerante che toccherà Siracusa (1° agosto), Caltagirone (5 agosto), Castellammare del Golfo (8 agosto), Palermo (12 agosto) e Polizzi Generosa (16 agosto, la città dove è nato Domenico Dolce). L’idea si ispira al film da Oscar di Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso” (1988), restaurato nel 2014 da Dolce&Gabbana in collaborazione con Luce Cinecittà e la Cineteca di Bologna. Ogni serata sarà caratterizzata da esposizioni enogastronomiche sotto la supervisione del maestro pasticciere Nicola Fiasconaro e allestimenti tipici del folclore siciliano.

«Della Sicilia - hanno detto Domenico Dolce e Stefano Gabbana  - amiamo tutto: i colori, le espressioni artistiche, gli scorci mozzafiato, le feste di paese, la buona cucina, il folclore che rivela l’anima del territorio e delle persone che lo abitano, il suo ”bello assoluto”. Quello che cerchiamo di fare con il nostro lavoro è raccontare, valorizzare e tramandare questo patrimonio culturale di straordinaria bellezza. Le cose belle devono essere preservate e mai come adesso abbiamo tutti bisogno di ripartire». 

Ultimo aggiornamento: 16:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA