Taricone, 10 anni fa la morte. Liorni: «Dietro ai muscoli si nascondeva un grande cervello»

Sabato 27 Giugno 2020 di Michele Galvani
Taricone, 10 anni fa la morte. Liorni: «Dietro ai muscoli si nascondeva un grande cervello»

«Pietro era un figlio della tv a cui non piaceva la tv. Mi diceva: "non sto a mio agio quando sono ospite". Perché lui era uno vero. Tutto l'opposto di come appariva: dietro ai muscoli si nascondeva un grande cervello». Marco Liorni conosceva molto bene Pietro Taricone: era l'inviato storico del Grande Fratello e lo vide "nascere" artisticamente. «Ricordo ancora quando mi chiamò Alessandra dell'ufficio stampa. Disse: Taricone ha avuto un incidente, è sotto i ferri. Speriamo che non ce la faccia». Era gravissimo, per cui utilizzò queste parole piene di umanità. Io stavo camminando sotto casa, continuai a camminare senza fermarmi. E' stato un grande lutto personale e credo anche collettivo. Un trauma. Nessuno lo ha dimenticato. Una persona piena di vita, colta, coraggiosa. E poi era simpatico da matti. Non sono le solite cose che si dicono perché non c'è più, è la verità».

Terni, la morte di Pietro Taricone Il papà di Kasia: Riaprite l'inchiesta

​Paracadutista romano si schianta al suolo dove morì Pietro Taricone

Kasia Smutniak, dal cinema alle Frecce Tricolori: «Realizzo il sogno di una vita»

Il conduttore tv ne parla come se fosse un fatto accaduto ieri: «Sono già passati 10 anni? Gli voglio veramente bene, ho tanti ricordi. Una volta ci incontrammo al teatro Olimpico per lo spettacolo Hello Kitty. Io ero con le mie figlie, lui con la sua, in braccio. Mi parlò 30 minuti di seguito, aveva voglia di raccontare, di aprirsi, di ascoltare. Con la sua personalità, così forte, era fenomenale: si godeva la vita in tutto. Appena uscito dal Grande fratello, fece un anno a 1.000 all'ora. Abitò in un hotel, spese tantissimi soldi, con il piede sempre sull'acceleratore. Poi trovò la sua strada di attore, ma anche quella che lo portò lontano da chi gli stava accanto solo per sfruttare l'onda mediatica. Era da poco finito il programma, uscito dalla casa, ricordo anche questa frase: "tutta la gente mi aspetta? Sono famoso? Devo prima andare a comprare i jeans e vedere la partita, cose vere».
 

Era un guascone «fuori e dentro il Grande fratello - spiega ancora Liorni - abbinava la fisicità alla testa. Gli autori, quando ci incontrammo nell'hotel di Roma prima dell'avvio dello show dissero che lui era fantastico. Non si rendeva conto Pietro, come gli altri concorrenti, dell'impatto mediatico del reality show». Aveva alle spalle anche «dei genitori molto attenti. Il papà - conclude l'ex inviato - gli regalò il libro "Un marziano a Roma". Pietro diceva: la tv in un attimo ti porta alla ribalta, ma in un attimo sa toglierti di mezzo». Aveva capito tutto.
 

 

Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA