Amatori Napoli-Civitavecchia 43-20,
arriva la prima vittoria del 2022

Lunedì 14 Marzo 2022 di Diego Scarpitti
Amatori Napoli

Nel rugby come nella pallanuoto. Civitavecchia superata 11-6 dalla Canottieri Napoli alla Scandone nel sabato clorato, e poi battuta 43-20 dall’Amatori Napoli al Villaggio del Rugby Gls di Bagnoli nella domenica ovale. Prima pesante vittoria del 2022 con ben sei mete per il club presieduto da Diego D’Orazio, l’ultima risale al 6 dicembre 2021 contro Perugia (31-27) sempre tra le mura amiche. Porta davvero bene la maglia blu, disegnata dall’artista Sergio Fermariello e indossata da Giuliano Testa e compagni. Warriors di fatto i ragazzi di Lorenzo Fusco, che incantano il caloroso pubblico di casa.

Il piazzato di Davide Nasello porta avanti i laziali (0-3 al 4’). Prendono le misure i partenopei e Carmine Iervolino inizia a dispensare assist (5-3 al 13’). Seconda meta per l’Amatori e trasformazione magistrale di Francisco Garcia Salazar (12-3 al 23’). Si accende la sfida tra numeri 10. Nasello prova a tenere agganciati i suoi (12-6 al 30’) con un altro piazzato. Velocità, fantasia, imprevedibilità: sale in cattedra Francesco Balzi, il mediano di mischia classe 1996. Costruisce l’ampio vantaggio l’Amatori: dal 15-6 (33’) al 22-6 (36’). Il primo tempo finisce 29-6 per i napoletani, incontrastati padroni del campo. Non cambia il copione nella ripresa. Attenta gestione dell’incontro da parte dell’Amatori, che punge, delizia ed entusiasma i presenti, concedendo ben poco agli avversari di turno (36-6, 36-20, 43-20).

«Stiamo tornando ad essere la squadra che eravamo, quella formazione che gioca 80 minuti in maniera compatta ed efficace», rivendica orgoglioso il tecnico Lorenzo Fusco. «Non possiamo certamente dimenticare due anni di stop», ricorda l’allenatore verdeblu. «I ragazzi sono da apprezzare, perchè si impegnano e giocano a rugby dopo il lavoro e lo studio: compiono tanti sacrifici. Stanno tornando in maniera convinta», prosegue Fusco. «Non dobbiamo esaltarci per la vittoria, né demoralizzarci quando subiamo la sconfitta. Nella vita, come nello sport, conta la cultura del lavoro», sottolinea. «Festeggiamo meritatamente e da domani penseremo al prossimo impegno. La nostra una formazione composita: oltre ai senatori, i giovani hanno dato il loro contributo. Possiamo ben sperare per il futuro. La strada intrapresa è quella giusta, per arrivare ad alti livelli», conclude convinto Fusco

 

Dagli spalti volano caramelle. Finiscono tra gli applausi i napoletani. «È stata una bella partita. Un percorso in crescendo. Dobbiamo migliorare alcuni aspetti, c’è tempo per effettuare dei progressi, che sicuramente verranno», asserisce Domenico Guerriero, autore di una meta. «Speriamo di migliorare e continuare a vincere. Scendiamo in campo sempre per conquistare l’intera posta in palio. La vittoria odierna ci dà fiducia per il prosieguo del campionato», argomenta la prima linea classe 1983.

Tanto spettacolo e tanto entusiasmo. «Abbiamo ritrovato lo spirito di gruppo e il bel gioco. Siamo stati molto veloci in fase d’attacco», dichiara il numero 4 Gennaro Iazzetta (nelle foto di Luigi Petrucci). «Siamo stati bravi in mischia e in touche. Ci siamo ricompattati e il risultato ci ha dato ragione», evidenzia la seconda linea classe 1993.

«Gls Player of the Match» Alessandro Stanzione: debutto e vittoria per il numero 23. «E’ stata molto emozionante la mia prima in casa e in serie A. Sono onorato di far parte di questa famiglia. E’ davvero speciale: i ragazzi più grandi mi hanno subito accolto e mi stanno insegnando molto», racconta il classe 2003. «Mi hanno sempre sostenuto, anche in campo.  Avevo paura di sbagliare all’inizio ma con questi validi compagni al mio fianco tutto è più facile ed è andato per il verso giusto. Al primo pallone toccato l’ansia è andata via», conclude felice Stanzione. Esordio indimenticabile a tinte verdeblu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA