Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roger Federer alla Laver Cup 2022,
biglietti fino a 50.000 euro per l'ultima

Mercoledì 21 Settembre 2022
Roger Federer alla Laver Cup 2022, biglietti fino a 50.000 euro per l'ultima

C’è chi farebbe di tutto per vedere l'ultima partita del tennista Roger Federer, dopo lo storico addio delle scorse settimane. Secondo le prime stime, infatti, un biglietto potrebbe arrivare a costare fino a 50.000 euro, prezzo che potrebbe addirittura aumentare. Una cifra decisamente da capogiro ma che i fan sono disposti a spendere per assistere all'ultima esibizione del tennista più amato di sempre. 

L'ultima grande partita si svolgerà alla Laver Cup 2022, a Londra, torneo annuale a squadre divise da venerdì 23 settembre a domenica 25 settembre 2022. I biglietti per la manifestazione tanto attesa sono sold out già da mesi, da quando si era ipotizzato che Roger Federer avrebbe potuto dire addio al tennis. Alla competizione parteciperanno, inoltre, Novak Djokovic, Andy Murray e Rafael Nadal. Una vera e propria «reunion» dunque prima del grande addio. 

Video

Roger Federer tornerà a giocare dopo l'amara sconfitta contro il polacco Hubert Hurkacz, perso ai quarti di finale di Wimbledon. Una sconfitta dovuto ai problemi, ormai conosciuti, al ginocchio che lo avrebbero portato a lasciare definitivamente il tennis. 

Difatti le soprese per i fan di Federer non finiscono qui. Pare che proprio a causa dei problemi al ginocchio, il tennista elvetico potrebbe non presentarsi alla competizione. 

Il suo preparatore atletico, Pierre Paganini, ha infatti rivelato che «Potrebbe decidere all'ultimo momento cosa fare, ormai è da luglio che contemplava il ritiro, quando ha notato che in allenamento faceva sempre più fatica aumentando l’intensità. La ritengo una decisione saggia, perché il problema non riguarda solo il ginocchio. Roger ha disputato tanti match in carriera, ha sottoposto il suo corpo ai massimi sforzi».

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 08:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA