Acquachiara-Lazio, si alza
il sipario alla Scandone

Il tecnico Fasano: «Ci aspetta una partita difficile, perché la Lazio ha almeno due-tre giocatori di categoria superiore»

L'Acquachiara si confronta con la Lazio
L'Acquachiara si confronta con la Lazio
di Diego Scarpitti
Venerdì 11 Novembre 2022, 22:58
3 Minuti di Lettura

Sabato clorato e affollato. La Scandone torna ad essere l’epicentro clorato per eccellenza e Fuorigrotta il quartiere dello sport per antonomasia. La neopromossa Ischia Marine Club apre il palinsesto pomeridiano. In contemporanea con Napoli-Udinese allo stadio Diego Armando Maradona, capitan Ciro Centanni e compagni debutteranno contro la Roma Vis Nova (ore 15). Poi toccherà all’Acquachiara confrontarsi con la Lazio (ore 16.30), infine la Canottieri Napoli chiuderà contro il Latina (ore 18).

«Ci aspetta una partita difficile, perché la Lazio ha almeno due-tre giocatori di categoria superiore: il centroboa Matteo Leporale (1983), Antonio Vittorioso (1973) e il serbo Marko Jankovic (1998), un ragazzo interessante», spiega alla vigilia il tecnico Walter Fasano. Allenati da Claudio Sebastianutti, i biancocelesti sono reduci dalla larga vittoria contro il Civitavecchia (14-10). E al Foro Italico il pallanuotista dell’Est si è subito reso protagonista con una pesante e pregevole cinquina.

 

Debutto interno per capitan Ciro Alvino e compagni, pronti a riscattare il ko di Monterotondo con la Roma Vis Nova (14-8). «Sarà una bella partita, abbiamo lavorato bene», osserva il coach salernitano. Per i biancazzurri mancheranno due pedine chiave. «Ancora fermo il centroboa ungherese Erik Adam, indisponibile il mancino Matteo Aiello», avverte Fasano.

«Domani sarà la prima uscita in casa dopo tanti mesi. Ci teniamo a ben figurare», auspica fiducioso l’allenatore classe 1977. «Abbiamo lavorato sodo in settimana e stiamo smaltendo i carichi», ricorda. Partenopei in cerca del primo acuto stagionale. «Giocheremo a viso aperto come del resto facciamo sempre, con la consapevolezza di poter osare di più quest’anno», conclude Fasano (nelle foto di Gianluca Madonna).

© RIPRODUZIONE RISERVATA