Riparte la B, Juve Stabia a Pescara:
Caserta vuole concentrazione

Venerdì 19 Giugno 2020 di Gaetano D'Onofrio
Riparte da Pescara il cammino della Juve Stabia verso il traguardo della salvezza diretta in serie B. I gialloblù di Caserta saranno di scena questa sera alle 18.00 all’Adriatico, con tutte le incognite del caso dopo il lungo periodo di stop per l’emergenza Vovid-19, e la ripresa degli allenamenti in un periodo solitamente di calma e relax: “E’ stato strano riprendere – queste le parole della vigilia del tecnico stabiese -, abbiamo dovuto cambiare i nostri metodi di lavoro, adeguarci a questa nuova realtà senza avere uno storico di esperienza o di riferimento. I cambiamenti possono aiutare, proviamo a guardare in positivo e vediamo un po’ che accade, alla fine ci siamo trovati tutti a gestire le stesse cose”.

LEGGI ANCHE Juve Stabia: a cena per il patto per restare in serie B

Tante insidie in un mini torneo di dieci giorni, sbagliare appare quasi vietato: “Credo che le maggiori preoccupazioni sia capire come la squadra risponde dal punto di vista fisico e mentale. Il ritmo, ovviamente, non sarà quello di metà stagione, la mia personale speranza è evitare infortuni visti i tempi stretti e la difficoltà di recuperare”.

Tornano le cinque sostituzioni, anche in B, un autentico marchio di fabbrica per Caserta lo scorso anno in serie C: “Possono essere utili, ma le hanno tutti, per me il vero vantaggio è il gruppo. Quello dello scorso anno era unito e compatto, questo lo è diventato pian piano. In fondo la partita la fanno sempre i calciatori”.
Senza spettatori, sarà un altro calcio: “Non sarà calcio – borbotta Caserta -, una partita senza spettatori è la cosa più brutta che ci sia, spero si riesca quanto prima a far tornare la gente sugli spalti. E’ fondamentale per questo sport”.

Il Pescara era stato costruito per obiettivi importanti, una gara da prendere con le dovute attenzioni: “Servirà tutto a Pescara, le energie fisiche e mentali prima di tutto. Dovremo essere bravi nell’approccio, sarà la prima partita, la speranza è di tornare a casa con punti in tasca”.

La prima Juve Stabia post Covid sembra tutta da scoprire, con poche certezze, come Provedel o Forte, una squadra da ridisegnare, probabilmente sul 4-2-3-1 che pian piano è diventato il vestito buono dei gialloblù quest’anno. Guai, però, a fare conti o tabelle: “Non li ho mai fatti – conclude l’allenatore -, dobbiamo giocare ogni gara per ottenere il massimo. Quanti punti serviranno per la salvezza potrà essere solo il campo a dirlo”. © RIPRODUZIONE RISERVATA