Romero: «Entusiasta di Castellammare,
sarà una Juve Stabia da play-off»

Mercoledì 16 Settembre 2020 di Gaetano D'Onofrio
Si candida a prendere il posto di Forte, anche se 17 reti in serie B sono un bottino più che ragguardevole. Niccolò Romero non si tira indietro, nonostante i dubbi e le perplessità di una Juve Stabia “work in progress”, e prova a mettersi in scia dei grandi bomber gialloblù degli ultimi anni: “So che qui è passata gente di grande calibro – esordisce -, su tutti ricordo Giorgio Corona che a Castellammare ricordano tutti con affetto e nostalgia. Mi basterebbe fare anche solo metà del suo percorso. Sono venuto alla Juve Stabia con tanto entusiasmo, e sono convinto che alla fine si allestirà una squadra in grado di lottare per grandi traguardi”.

LEGGI ANCHE Juve Stabia. Bentivegna già a Castellammare, virale la sua foto in gialloblù

I play-off, ormai nessuno in società lo nasconde, dovrebbero essere l’obiettivo stagionale di una squadra che manca ancora di diverse pedine e che in queste ore perderà anche Lito Fazio: “Nessuno mi ha mai chiesto di vincere il campionato, viste anche le tante rivali che incontreremo, ma i play-off potrebbero essere un obiettivo alla portata. Una società come la Juve Stabia merita certi palcoscenici, e con un tecnico navigato come Padalino credo che non ci si debbano porre limiti”. Dai girone del nord al caldo del sud, Romero non ha timori: “Il calcio è calcio, a dispetto del girone. Qui siamo in una piazza importante, e non credo che giocare al sud sarà difficile per nessuno. Ci sarà semmai la differenza del calore del pubblico a cui magari non siamo abituati. Il 23 è la data dell’esordio, non vedo l’ora di scendere in campo”. Ultimo aggiornamento: 08:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA