Benevento tra panini e ingorghi:
marciapiedi «slim» per risolvere il caso

Venerdì 22 Gennaio 2021
Benevento tra panini e ingorghi: marciapiedi «slim» per risolvere il caso

Una limatura al marciapiedi per dare un taglio agli ingorghi da Mc Drive. Soluzione che sembra a portata di mano nella sua semplicità, arginando finalmente le furenti polemiche generate dalla piattaforma cittadina della multinazionale del panino. Ne hanno discusso ieri negli uffici del settore Mobilità l'assessore Luigi Ambrosone e i rappresentanti di Mc Donald's. Alla presenza del dirigente Maurizio Perlingieri e dei funzionari tecnici, si è presa in esame la possibilità di realizzare una terza corsia di marcia su via Vetrone in corrispondenza del discusso incrocio con via Nenni, teatro di caotici incolonnamenti di sera e nei week end in particolare. L'opzione sarebbe tecnicamente agevole e comporterebbe una spesa o abbordabile: 14.000 euro il costo preventivato, la metà dei quali verrebbero sostenuti a titolo di compartecipazione dal privato che si è detto invece indisponibile a qualsiasi ipotesi di modifica interna al sito. L'intervento creerebbe di fatto un percorso dedicato ai veicoli diretti al Mc Drive coincidente con l'attuale corsia destra di via Vetrone in direzione via Nenni. Nello scenario delineato ieri, i mezzi provenienti dal fast food non potranno svoltare a sinistra su via Vetrone ma dovranno procedere obbligatoriamente a destra. Al contempo gli automobilisti non potranno accedere all'attività dal lato sinistro di via Vetrone, svolta peraltro già preclusa dai dissuasori che non saranno rimossi, ma solo attraverso la corsia destra. Un intervento di canalizzazione che comporterà il sacrificio di una fetta del largo camminamento pedonale su via Vetrone in prossimità del quartier generale della Coldiretti, considerato comunque sufficiente anche al netto del taglio.

In tema di viabilità intanto torna a far sentire la propria voce il comitato di quartiere Centro storico: «L'amministrazione intraprenda con urgenza tutto quanto necessario a rendere concreto il controllo dei permessi di sosta e transito nel centro storico - chiede il presidente Luigi Marino nella nota indirizzata al sindaco Clemente Mastella -. Non si può più tollerare la sosta selvaggia e indiscriminata lungo i vicoli. Non si può fingere che non esista un problema legato alla viabilità e al numero dei permessi rilasciati. Ci vengono segnalate molteplici anomalie: troppi permessi per nucleo familiare, mancato controllo dei requisiti per il rilascio, contrassegni fotocopiati, e simili. I vicoli devono rimanere percorribili, non essere ridotti a strade senza uscita. Problemi risolvibili con i fantomatici varchi di accesso controllati dalle famigerate telecamere, o si attende che diventino obsolete? Insomma, il Comune possiede gli strumenti, ma non intende usarli». 

Video

Marino ricorda i recenti episodi di cronaca che hanno visto protagonisti «cittadini anche molto noti, che litigano con veemenza per un posto auto» e paventa il verificarsi di ripercussioni della massima gravità: «È in ballo la salute, la vita umana! Possibile che chi si sente male in centro deve pregare che l'ambulanza non trovi ostacoli lungo il percorso?». Il comitato snocciola infine l'elenco di richieste in buona parte coincidente con quello inoltrato al Comune: «Avviare un capillare controllo dei permessi di sosta; rendere riconoscibili gli stalli per i residenti; attivare i varchi con l'inserimento di via III Settembre, mettendo in funzione le telecamere per fasce orarie e regolamentando l'accesso; implementare la segnaletica verticale; rendere tempestivo l'intervento della municipale in caso di violazioni».

Ultimo aggiornamento: 18:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA