CORONAVIRUS

Coronavirus, la cliente tossisce in faccia alla cassiera per sfregio: era positiva

Domenica 22 Marzo 2020 di Enrico Chillè
Coronavirus, la cliente tossisce in faccia alla cassiera per sfregio: era positiva

Follia e disumanità ai tempi dell'emergenza coronavirus: una donna, che si era avvicinata troppo ad altri clienti intenti a pagare la spesa in cassa al supermercato ed era stata invitata dalla cassiera a rispettare la distanza di sicurezza, di tutta risposta ha tossito volontariamente in faccia alla dipendente del supermercato. Poche ore dopo, quella stessa donna è risultata positiva al tampone e ora la cassiera è stata costretta a mettersi in quarantena.

Leggi anche > Coronavirus, chiusura di tutte le aziende non strategiche. Cosa resta aperto: dai tabacchi alla benzina, l'elenco completo

L'episodio è avvenuto mercoledì scorso a Mestre (Venezia), poco prima della chiusura del supermercato. Due donne, in coda per pagare alla cassa e ansiose di mettere tutta la spesa sul nastro, avevano compiuto il folle gesto dopo essere state rimproverate dalla cassiera. Nel supermercato, i dipendenti non avevano ancora ricevuto le mascherine e, dopo l'accaduto, un cliente e un agente della vigilanza erano riusciti a fermare le due donne. La polizia, giunta sul posto, ha preso le loro generalità e pochi giorni dopo è arrivata la doccia fredda per la cassiera: la Questura, infatti, aveva accertato la positività al tampone di una delle due donne e lo aveva comunicato alla dipendente del supermercato.

Leggi anche > Coronavirus, il magistrato: «Chi mette a rischio la salute degli altri rischia 12 anni di carcere»

La cassiera, ora, si è vista costretta a smettere di lavorare e mettersi in quarantena. Sottoposta al tampone, è ora in attesa del responso. Cinzia Gatto, delegata Filcams e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza del supermercato, ha denunciato l'accaduto e chiesto che tutti i dipendenti vengano sottoposti al test del tampone. «La nostra collega, costretta a mettersi in quarantena, ora è terrorizzata non solo per se stessa, ma anche per la sua famiglia e i suoi figli. Questo la dice lunga sulla situazione in cui si trovano i dipendenti di supermercati e ipermercati, costretti a lavorare in condizioni precarie e senza le adeguate tutele», ha spiegato la donna.

Ultimo aggiornamento: 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA