CORONAVIRUS

Virus Lombardia, aumentano nuovi contagi (462) e morti (54). Milano non fa eccezione

Martedì 19 Maggio 2020
Virus Lombardia, aumentano nuovi contagi (462) e morti (54). Milano non fa eccezione

Lombardia, il bollettino di oggi dell'emergenza coronavirus. In 24 ore si sono registrati 462 nuovi positivi, per un totale di 85.481. I morti sono stati 54, il numero totale delle vittime sale a 15.597. Rispetto al giorno precedente sono saliti sia il numero dei morti (erano stati 24) che quello dei contagiati (erano 175).

Il numero dei tamponi è 596.355 tamponi, più 14.918. 

Prosegue il calo dei ricoverati, compresi quelli in terapia intensiva, mentre aumenta il numero dei guariti. In rialzo invece rispetto a ieri il numero di nuovi casi, anche se il numero di tamponi effettuati è stato molto superiore alla vigilia.  I casi positivi sono 85.481, 462 più di ieri (175 in più il giorno prima), mentre i guariti sono 36.082, 167 in più di ieri. Le persone ospedalizzate sono 4.426, -56 rispetto a ieri (+2 il giorno prima). I pazienti in terapia intensiva sono 244, 8 in meno di ieri (-3 il giorno prima). Il numero di vittime è salito a 15.597, in aumento di 54 (+24 il giorno prima). I tamponi effettuati sono 596.355, 14.918 più di ieri (+5.078 il giorno prima). 

Milano, palco senza attori: le saracinesche restano giù

Cresce il contagio a Milano. Sale a 22.324 il numero di positivi al coronavirus nella provincia di Milano (+102) di cui 9.444 (+49) a Milano città. Dati in aumento rispetto a ieri quando i nuovi positivi nella provincia erano +71 e +24 in città. È quanto emerge dai dati diffusi dalla Regione Lombardia. Quanto alle altre province, a Bergamo i positivi sono 12.607 (+144), a Brescia 14.199 (+41), a Como 3.646 (+13), a Cremona 6.335 (+12), a Lecco 2.687 (+39), a Lodi 3.369 (+16), a Mantova 3.294 (+3), a Monza 5.338 (+42), a Pavia 5.047 (+25), a Sondrio 1.378 (+9), a Varese 3.401 (+9).
 

Bollettino Lombardia, oggi 24 morti e 326 positivi ma tamponi dimezzati. Bene Milano

Fase 2, Galli: «I contagiati sono stati dieci volte i casi noti, ora usciranno di casa»
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 23:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA