Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maltempo, vento record da Pescara a Milano: alberi crollati, piste da sci chiuse

Martedì 4 Febbraio 2020
Alberi caduti a Milano

Italia sferzata dal maltempo. Da Pescara a Milano, giornata di forti raffiche di vento con alberi caduti, qualche ferito e molti disagi per i cittadini. Domani a Napoli scuole aperte ma parchi chiusi per l'allerta della Protezione Civile, in Lombardia chiusi gli impianti sciistici, mentre sono stati sospesi i collegamenti marittimi con l'Isola d'Elba.

Feriti. A San Severino Marche, in località Marciano, un grosso pioppo è caduto a terra, colpendo un'auto di passaggio il cui conducente è rimasto ferito. Fortunatamente l'impatto con il mezzo, un fuoristrada Isuzu, è stato attutito dalla scarpata su cui il pioppo è caduto prima di centrare il veicolo: il conducente è stato trasportato in ospedale. Alcune strade sono state chiuse, a causa della caduta di rami e alberi, e poi riaperte. Un grosso albero è caduto anche su tre auto all'interno di una della quali c'era un uomo a Scafa, nel Pescarese. L'uomo era nella sua auto in transito quando l'albero, un enorme pino, è precipitato sul mezzo, danneggiando soprattutto la parte lato passeggero. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e il 118. Lievemente ferito e sotto shock, il 59enne è stato trasportato all'ospedale di Pescara in codice giallo.
 

 


Meteo, caldo anomalo dai 27° della Sardegna alla Russia (ma da domani arriva la svolta)

Montagna. Vento record sia in alta montagna con 164 km/h sulla Cime Undici a 2.926 metri di quota sopra Curon in val Venosta, che a valle, come per esempio a Predoi, dove le raffiche hanno toccato i 98 km/h. Causa vento numerosi impianti di risalita sono rimasti chiusi. Sta nevicando lungo la cresta di confine, soprattutto sul versante austriaco, ma per il momento non si registrano problemi alla viabilità. A Mezzolombardo, in Trentino, il vento ha scoperchiato il tetto di una palazzina nel centro del paese, senza però provocare danni a persone. La stazione sciistica dei Piani di Bobbio (Lecco), sulle montagne sopra Barzio (Lecco), è rimasta chiusa proprio per il vento che ha impedito il funzionamento della funivia e degli impianti in quota.


In Lombardia il vento ha soffiato a 130-140 km orari, crollati alberi e chiusi alcuni impianti sciistici e funivie fra le province di Lecco e Bergamo. A Milano sono crollati diversi alberi. E in via Arona un ponteggio è crollato su quattro veicoli in sosta. Nessuno è stato ferito. Decine le richieste di soccorso che dalle 14 sono arrivate alle sale operative dei vigili del fuoco e della polizia locale dopo che forti raffiche di vento si sono abbattute anche su Piacenza e parte della provincia. Si tratta di interventi per numerosi alberi caduti oppure tegole e cornicioni pericolanti.

Toscana. Tre squadre di vigili del fuoco del comando di Livorno, distaccamento di Portoferraio (Livorno), hanno operato dalle prime ore del mattino all'Isola d'Elba (Livorno) per interventi causati dal forte vento: alberi pericolanti, antenne e tegole cadute, intonaci pericolanti e altro. Le zone maggiormente interessate sono quelle di Campo nell'Elba e Portoferraio. Inoltre alle ore 13.20 i vigili del fuoco sono intervenuti in Località La Pila per un incendio di vegetazione. Al momento non si segnalano danni a persone.

Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 01:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA