Petra Lucca, la ciclista di 10 anni investita e uccisa dall'auto dell'amica di famiglia: choc a Belluno

Mercoledì 28 Luglio 2021 di Eleonora Scarton
Fiori sul luogo della tragedia

CESIOMAGGIORE (Belluno) - Sente un vuoto difficile da colmare la comunità di Cesiomaggiore che tra lunedì sera e ieri ha appreso della morte della piccola Petra Lucca, la bambina di dieci anni di Toschian morta a seguito all’incidente avvenuto sabato mattina a Soranzen. La piccola stava camminando sulla provinciale con il suo cane quando avrebbe improvvisamente attraversato la strada. Per una 67enne del posto che sopraggiungeva a bordo della sua auto nessuna possibilità di evitare l’impatto.

Le ferite riportate sono apparse gravissime fin da subito. La bambina è stata elitrasportata all’ospedale di Padova dove i sanitari hanno dichiarato lunedì mattina la morte celebrare. Sono quindi state avviate tutte le procedure che hanno poi portato alla morte della bambina nel primo pomeriggio dello stesso giorno. Papà Carlo ha fatto poi rientro a casa per comunicare personalmente agli altri figli il tragico epilogo dell’incidente.

IL RITRATTO

Petra era una bambina allegra e solare, che amava la vita. Dieci anni appena, ma grinta e determinazione ne aveva da vendere. E questo forse dipendeva molto dal contesto famigliare: avere due sorelle ed un fratello più grandi l’aveva aiutata a crescere più velocemente, come accade in tutte le famiglie numerose. Aveva appena concluso la quarta elementare alla scuola di Soranzen. Come ha ricordato Viviana, la sua maestra di italiano, era una bimba capace, che andava d’accordo con tutti, che amava il disegno e l’educazione artistica. Altra passione della piccola era quella della bicicletta. Correva con i colori del gruppo sportivo Winnerbike di Santa Giustina. Era «la punta di diamante» della squadra ha ricordato Riccardo Bolzan dell’associazione sportiva.

IL DRAMMA

L’incidente stradale di sabato mattina ha distrutto due famiglie. Quella di Petra ma anche quella dell’automobilista, una donna di 67 anni che vive poco distante. Una persona che la famiglia Lucca conosce bene in quanto Luciana, questo il suo nome, faceva da baby sitter ai suoi figli. Un legame di fiducia tant’è che i genitori di Petra sono stati ieri a casa della donna, distrutta dal dolore per quanto accaduto.

Ciclista falciato da un'auto, Alessio Fallocco morto dopo una settimana

L’ULTIMO SALUTO

Al momento non è ancora stata resa nota la data dei funerali della piccola. La salma è infatti ancora a disposizione dellautorità giudiziaria. Quello che è certo, è che l’intera comunità di Cesiomaggiore si stringerà intorno alla sua famiglia. In queste ore tutti stanno cercando di capire come muoversi. Non è escluso che l’amministrazione comunale decida di proclamare il lutto cittadino, come anche che i compagni di classe di Petra e la società della Winnerbike non organizzino qualcosa per ricordarla durante il rito funebre. Sia papà Carlo che mamma Doriana lavorano all’interno degli ospedali dell’Ulss 1 Dolomiti.

Aprilia, travolse e uccise ciclista a Le Ferriere: il pirata arrestato a Roma

Il tragico epilogo dell’incidente di sabato ha quindi velocemente percorso anche le corsie ospedaliere. In una nota diffusa ieri l’Ulss Dolomiti, profondamente colpita dalla tragica perdita, si stringe alla famiglia di Petra. Mamma e papà sono professionisti, impegnati negli ospedali di Feltre e Belluno, stimati ed apprezzati per la grande umanità. La Direzione, a nome di tutta l’Azienda, abbraccia con profondo affetto i familiari ed esprime le più sentite condoglianze. Il cordoglio coinvolge tutti i colleghi, che stanno facendo quadrato per supportare la famiglia

Ultimo aggiornamento: 15:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA