CORONAVIRUS

Gran Bretagna, dramma Covid: 27.000 persone morte in più in casa per gli ospedali pieni

Martedì 20 Ottobre 2020
Gran Bretagna, dramma Covid: 27.000 persone morte in più in casa per gli ospedali pieni

Il caso di Kelly Smith, la giovane mamma morta a soli 31 anni di tumore all'intestino perché costretta a sospendere la chemioterapia a causa del lockdown, ha fatto emergere un problema molto serio in Gran Bretagna. Secondo l'Ufficio per le statistiche nazionali quest'anno sono morte oltre 27.000 persone in più nelle proprie abitazioni rispetto al normale. Per la maggior parte di queste, la causa del decesso non è il Covid ma altre malattie, come il cancro, la demenza senile e problemi cardiovascolari. I dati mostrano un aumento del 79% dei decessi per demenza, un aumento del 75% dei decessi per cancro al seno e un aumento del 53% dei decessi per cancro alla prostata a casa. 

 

Regno Unito, «C'è il Covid, niente chemio per 3 mesi»: così hanno condannato a morte Kelly

La direttrice dell'Alzheimer's Society, Fiona Carragher, si dice molto preoccupata: «L'impatto dell'isolamento, la paura del coronavirus e la sospensione dei servizi sanitari e sociali avranno contribuito all'aumento catastrofico delle persone affette da demenza che muoiono». Si stanno moltiplicando anche le persone, soprattutto over 70 che a causa del lockdown hanno perso la propria mobilità perché bloccate in casa, o ancora quelle colpite da ansia e depressione e quelle che «semplicemente spariscono dai radar dei servizi sociali e muoiono da sole nelle proprie abitazioni». 

Covid, diretta: Irlanda primo Paese europeo a tornare in lockdown (tranne le scuole). Contagi record in Germania

Per gli uomini le morti per malattie cardiache a casa in Inghilterra sono aumentate del 26% e le morti per cancro intestinale del 46%. Per le donne, i decessi nelle case private per demenza e Alzheimer sono aumentati del 75%. Questo significa che il numero di persone che muoiono ogni giorno in Inghilterra e Galles è passato dalle circa 300 del periodo precedente alla pandemia, a circa 400 di questi mesi ed è in costante aumento. Il totale dei decessi in abitazioni private registrati in Inghilterra e Galles tra l'inizio del 2020 e l'11 settembre ha superato quota 116.000.

 

Ultimo aggiornamento: 17:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA