Le prescrivono per errore due pillole al giorno invece di due al mese: anziana muore, medici sotto inchiesta

di Federica Macagnone

0
  • 37
A 86 anni Eileen Cowles era malandata e provata in modo estremo dalla vita: di tutto aveva bisogno, tranne che di una dottoressa che, leggendo in fretta le istruzioni di dosaggio di un medicinale a base di vitamina D, le prescrivesse per errore due pillole al giorno invece di due pillole al mese, come sarebbe stato corretto nel suo caso. Un sovradosaggio durato alcuni mesi, al termine dei quali Eileen è morta, stroncata da un'emorragia intestinale provocata dagli altissimi livelli di calcio accumulatisi nel suo sangue proprio a causa della prescrizione errata. La verità sul suo decesso, avvenuto il 17 aprile 2015 presso la Primrose Court Carehome di Guiseley, in Gran Bretagna, non sarebbe mai venuta a galla se i suoi parenti, mettendo a posto le sue cose, non avessero trovato per caso i documenti che provavano l'errore commesso dai medici che curavano Eileen: a quel punto è scattata un'inchiesta immediata che sta vedendo in questi giorni i dottori coinvolti nella vicenda chiamati a rispondere delle loro azioni davanti alla giustizia.

Eileen, che aveva avuto nel 1997 un intervento al viso per rimuovere un tumore e soffriva di demenza vascolare, aveva cominciato ad assumere il farmaco dopo essersi fratturata un'anca nel settembre 2014. Fu la dottoressa Claire Wiles che, dopo aver letto frettolosamente le indicazioni di dosaggio, le prescrisse due capsule di colicalciferolo al giorno: una prescrizione che, nonostante avesse sollevato obiezioni da parte del personale che assisteva l'anziana, venne in seguito confermata. Quando la dottoressa Wiles andò in congedo di maternità, infatti, le prescrizioni vennero effettuate dal medico di famiglia, Ibrahim Syed. Una catena di errori in sequenza che hanno portato al decesso di Eileen, morta senza sapere che i medici che aveva intorno la stavano in realtà uccidendo inconsapevolmente.

«In 35 anni di carriera - dice il medico patologo Richard Shepherd - non credo di aver mai incontrato livelli di calcio nel sangue così alti. Non sono riuscito a trovare alcun motivo naturale per cui quei livelli fossero aumentati».

«Non mi ero resa conto di aver prescritto il dosaggio in modo errato - ha detto in lacrime la dottoressa Wiles rivolgendosi alla famiglia di Eileen - Mi dispiace tanto per gli errori che ho commesso e che hanno contribuito alla sua morte. Voglio solo dire che mi dispiace. Non riesco a dire altro».

«Se non fossi stato così sotto pressione in quel periodo - ammette il medico di famiglia Syed - avrei controllato meglio, ma va anche detto che in genere tendo a fidarmi delle prescrizioni fatte dai colleghi, specie se sono ripetute nel tempo. Se avessi controllato mi sarei reso conto che il dosaggio, nel caso della signora Cowles, era eccessivo. Questa tragedia è una dura lezione per tutti noi».
Martedì 19 Marzo 2019, 20:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP