Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Luca Trapanese, l'assessore scrittore presenta “Le nostre imperfezioni” alla Foqus: «Cercate la felicità»

Lunedì 15 Novembre 2021 di Valentina Bonavolontà
Luca Trapanese, l'assessore scrittore presenta “Le nostre imperfezioni” alla Foqus: «Cercate la felicità»

Un elogio alla vita imperfetta, “Le nostre imperfezioni” è il primo libro di Luca Trapanese, neo-assessore alle politiche sociali del Comune di Napoli, presentato stasera alla Foqus Fondazione Quartieri Spagnoli.

"Le nostre imperfezioni" racconta una storia d’amore a prima vista impossibile. Un amore nato sul Cammino di Santiago che si fonda sui piccoli miracoli quotidiani che servono per tenerlo saldamente in piedi. Il protagonista è Livio, un ragazzo che ha deciso di partire con lo zaino in spalla, accompagnato da due amiche, e di andare a fare il Cammino di Santiago, senza una precisa motivazione. Del resto si dice proprio che non serva una ragione precisa per affrontare questa esperienza con se stessi. Ciò di cui Livio è certo è il suo amore per gli altri. La sua voglia di aiutare i bisognosi e il suo mettersi al servizio del prossimo. Una spinta interiore che lo ha portato spesso in giro per il mondo, facendogli abbandonare la bellezza del suo appartamento a Posillipo condiviso con mamma e papà.

Video

«Sono partito da me, dalla voglia di raccontare un cammino interiore, dopo aver conosciuto sofferenze e incontrato persone molto diverse. Livio è in parte Luca» - spiega Luca Trapanese.

Un viaggio, quello di Livio verso Compostela, che servirà per rinforzare la fede e per capire quale sia la strada giusta e definitiva da prendere.

«Livio è irrequieto, ha anche sfidato la vita. Ma questo gli servirà per conoscersi e riconoscersi. Ognuno di noi fa il suo viaggio, l’importante è avere la consapevolezza di essere presenti a se stessi e allo stesso tempo essere alla ricerca di se stessi» - continua Trapanese, rispondendo alle domande di Luca Delgaldo

La risposta ai suoi dubbi avrà il volto di Pietro, un architetto incontrato nell’antico borgo di Portomarìn. Un uomo sorridente dai tratti orientali, costretto a vivere in sedia a rotelle. Sarà lui a fare da guida a Livio nella bellissima Chiesa di San Nicola.

"Le nostre imperfezioni", a questo punto, diventerà il racconto di due uomini che chiacchera dopo chiacchera diverranno inseparabili e affronteranno il proseguo del viaggio insieme.

«La felicità arriva sempre da dove meno te lo aspetti, esattamente come i colpi alle spalle che la vita gioca a tradimento. Ecco perché è importante conservare sempre la speranza e la convinzione che vale sempre la pena di vivere» - dice il neo-assessore.

Trapaneseè il primo caso in Italia di genitore single ad aver adottato una bambina down, Alba, ha firmato un romanzo intenso, che si interroga nell’anima dei personaggi e che, come già scritto, lancia un messaggio d’amore e di speranza, specchio della sua storia personale.

«Il mio messaggio è questo: la vita è imperfetta. I social hanno creato una comunità insoddisfatta, scoppiata, violenta che tende a massacrare l’altro per obiettivi irraggiungibili. Hanno creato nei giovani un’insoddisfazione personale. Nessuno ci guarda e dice: guarda che siete imperfetti, non sarete degli idoli, nessuno lo è. Non dobbiamo chiedere ai nostri figli di raggiungere la perfezione, ma la felicità. Nonostante la disabilità, nonostante la malattia, nonostante l’imperfezione, io posso essere felice».

Ultimo aggiornamento: 22:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA