Napoli, baraccopoli sotto il Maschio Angioino: «Tutto davanti agli occhi di cittadini e turisti»

Lunedì 28 Marzo 2022
Napoli, baraccopoli sotto il Maschio Angioino: «Tutto sotto gli occhi di cittadini e turisti»

«Il Maschio Angioino, uno dei monumenti simbolo della città, è scivolato in una condizione di degrado e sporcizia inaccettabili. Sotto gli spalti del castello, proprio in prossimità della stazione turistica di partenza dei bus City Sightseeing, è nata una nuova baraccopoli con decine di senza tetto e disperati assiepati in mezzo ai rifiuti di ogni genere stratificati nei mesi di inaccettabile abbandono. Capanne misere di fortuna, bivacchi, orinatoi all’aperto, fanno da cornice al monumento sotto gli occhi increduli di cittadini e turisti. Lungo il perimetro dei giardini quintali di bottiglie di vetro e plastica, elettrodomestici e ingombranti, residui dei pasti offerti dalle associazioni intorno ai quali banchettano i topi.

Una condizione insostenibile per l’immagine della città e per la dignità degli stessi occupanti dell’area che devono essere seguiti dai servizi sociali. Bisogna intervenire al più presto con una operazione di pulizia radicale dell’area, adottando sistemi di controllo e vigilanza che impediscano, una volta bonificato il sito, il ritorno a questa condizione vergognosa». Queste le parole del consigliere regionale di Europa verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto la segnalazione in un video di Gianluigi Grittani, attivista del Sole che ride.

© RIPRODUZIONE RISERVATA