Napoli Est, si studia tra i rovi:
degrado nella biblioteca di Ponticelli

Napoli Est, si studia tra i rovi: degrado nella biblioteca di Ponticelli
di Alessandro Bottone
Venerdì 22 Luglio 2022, 19:13
3 Minuti di Lettura

Riaperto il bene comunale - anche se parzialmente - ora bisogna assicurare il decoro. La biblioteca pubblica di Ponticelli, intitolata alla scrittrice Grazia Deledda, è stata "riconsegnata" ai cittadini da alcuni giorni dopo tre mesi di chiusura per inagibilità ma gli spazi si presentano poco accoglienti.

A ben vedere, infatti, i cittadini possono usufruire soltanto dei locali al piano terra e del cortile essendo il primo piano totalmente inibito a causa di pericoli scaturiti dalle infiltrazioni di pioggia che hanno logorato parte della copertura della struttura comunale di vico Santillo, nel cuore del quartiere di Napoli Est. In attesa degli adeguati interventi - al momento non esiste un progetto in merito - i fruitori possono utilizzare le aule e lo spazi all'aperto. É quest'ultimo che appare alquanto trascurato viste le erbacce che sono crescite particolarmente rigogliose in tanti mesi di mancata manutenzione ordinaria. Basta guardare il pezzetto di terreno della biblioteca che confina con la scuola materna che è ricoperto dai rovi.

Non va meglio per le altre lingue di verde che insistono nel bene pubblico che necessitano anch'esse di particolare cura. Altra manutenzione è indispensabile per ripristinare la recinzione della struttura: i due cancelli che mettono in comunicazione la biblioteca con il parco municipale 'Sergio De Simone' sono danneggiati da tempo. In particolare, uno di essi è stato distrutto dai vandali che hanno "visitato" il bene nei mesi scorsi generando diversi danni.

La biblioteca di Ponticelli - che per diversi mesi è stata al centro di un progetto di rigenerazione promosso da alcune realtà associative insieme al Comune di Napoli - resterà aperta fino al 29 luglio e chiusa ad agosto. Residenti e associazioni chiedono di porre attenzione per non svanire quanto realizzato nell'unico luogo pubblico della cultura a disposizione di migliaia di cittadini del quartiere di Napoli Est.

© RIPRODUZIONE RISERVATA