Napoli, gara per l'impianto sportivo del «lotto O» di Ponticelli: lavori e attività per minori a rischio

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Alessandro Bottone

Una nuova vita per l’impianto sportivo comunale di via Carlo Bernari a Ponticelli, quartiere nella zona orientale di Napoli. Il Comune di Napoli ha avviato la procedura per l’affidamento della gestione del bene pubblico che necessita di lavori di ristrutturazione e riqualificazione. La struttura sportiva - a due passi dall'Ospedale del Mare e a ridosso degli alloggi popolari del «lotto O» - ha da sempre una grande rilevanza sociale accogliendo giovanissimi che vivono in contesti delicati.

Si parte dal progetto presentato da due s.r.l. e approvato, lo scorso ottobre, dalla giunta comunale. La proposta dei privati prevede un investimento di 536mila euro e un canone annuo di seimila euro. Come specificato negli atti, il promotore può esercitare il diritto di prelazione se non risulta aggiudicatario: può, infatti, divenire aggiudicatario se si impegna ad adempiere agli obblighi contrattuali alle medesime condizioni offerte dall'aggiudicatario. La durata della concessione - il cui valore è stato stimato in sette milioni di euro - è di venti anni.

L'impianto è costituito da un campo di calcetto a nove con tribuna spettatori, da un edificio con spogliatoi, uffici, locali vari e da una palestra polivalente utilizzata per pattinaggio, fitness e discipline sportive artistiche. Il progetto prevede la realizzazione di un campo di calcio da destinare ad attività ludiche e ricreative per adulti e bambini, di un'area fitness e una per fisioterapie posturali oltre a interventi di miglioramento funzionale e strutturale di tutta la struttura pubblica di Napoli Est. Previsti, altresì, nuovi spogliatoi nell’alloggio del custode ormai in disuso, la realizzazione di gazebo, l'impermeabilizzazione degli spalti, spazi per visitatori con disabilità, tunnel allungabile per ingresso/uscita degli atleti, un punto telecronaca e ripresa tv sugli spalti e la creazione di una buvette. Particolare attenzione è posta all’abbattimento delle barriere architettoniche. Tutti i lavori dovranno essere completati in dodici mesi.

Le future attività sportive, e non solo, dovranno essere gestite in accordo e in sinergia con l’associazione di promozione sociale «Lotto infinito» - che cura l'oratorio della vicina parrocchia - e alla società sportiva che ha proposto il progetto. Spazio alle attività estive per bambini e ai giovanissimi delle famiglie particolarmente svantaggiate e accordi con le scuole del territorio. Anche privati cittadini potranno fittare il campo di calcio per gli orari serali a conclusione delle attività ordinarie. Il concessionario del bene dovrà assicurare sorveglianza, pulizia e manutenzione ordinaria e straordinaria.

Realizzato nel corso della "Ricostruzione" post-terremoto, l'impianto sportivo di via Carlo Bernari è stato, per diversi anni in passato, affidato in comodato d’uso alla parrocchia Santi Francesco e Chiara del «lotto O» per finalità sociali. Per la futura gestione si immagina uno spazio che accolga anche adulti e anziani così da creare un polo sportivo che offra servizi all’intera zona che confina con il quartiere Barra e il Comune di Cercola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA