Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Operai e familiari uccisi dall'amianto a Bagnoli: slitta il processo a ex proprietario Eternit

Mercoledì 23 Marzo 2022
Operai e familiari uccisi dall'amianto a Bagnoli: slitta il processo a ex proprietario Eternit

Slitta al prossimo 6 aprile la sentenza del processo Eternit bis di Napoli che vede come unico imputato Stephan Ernest Schmidheiny, imprenditore ed ex proprietario della Eternit. In udienza questa mattina, presso la Corte di Assise del tribunale di Napoli, hanno discusso gli avvocati della difesa accusato dell'omicidio volontario - in questo troncone del processo Eternit bis -, di sei operai dello stabilimento di Bagnoli dell'azienda che prende il nome dal cemento - amianto e di due loro familiari.

L'avvocato Guido Carlo Alleva, in particolare, ha sottolineato in primo luogo come non ci sarebbe stata alcuna volontà da parte dell'imprenditore di accettare la morte dei propri dipendenti in nome del profitto. Ha sottolineato che le conoscenze dell'epoca non erano quelle di oggi e, in merito, ha citato la sentenza ThyssenKrupp sulla distinzione tra dolo eventuale e colpa cosciente. I sei operai deceduti e i due loro familiari hanno respirato per anni le fibre e le polveri dell'asbesto utilizzato nell'azienda di Bagnoli. Il sito industriale aprì negli anni '40, chiuse durante la guerra, per poi ripartire e restare attivo fino al 1985. Produceva lastre, canaloni, tubi e pezzi speciali per l'edilizia.

Video

Nel 1979 vi erano impiegati 534 operai. L'osservatorio nazionale amianto, da anni al fianco delle vittime e delle famiglie, attraverso il suo presidente, l'avvocato Ezio Bonanni, affiancato dalla collega Flora Rosa Abate, si è costituito parte civile. Il 2 marzo scorso, i pubblici ministeri Anna Frasca e Giuliana Giuliano, hanno chiesto per Schmidheiny 23 anni e 11 mesi di reclusione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA