Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caivano, attacco Rom alla manifestazione antiroghi: pronto il presidio al campo nomadi

Mercoledì 29 Giugno 2022 di Rosaria Rocca
Caivano, attacco Rom alla manifestazione antiroghi: pronto il presidio al campo nomadi

Manifestazione contro i roghi tossici a Caivano degenerata in violenza: i volontari dell’Associazione Antiroghi di Acerra non gettano la spugna e stamattina sono in Prefettura. Due rappresentanti chiederanno il sostegno degli organi competenti ponendo ancora una volta l’attenzione sul fenomeno. Gli attivisti, inoltre, stanno già organizzando un nuovo presidio sempre al campo nomadi. 

La manifestazione dello scorso sabato, organizzata insieme al gruppo Mamme di Miriam ed a cittadini accorsi da Acerra e Caivano, doveva essere pacifica: «Con l’esclusivo intento di sollevare la problematica e portarla a conoscenza degli organi competenti ed interessati, quindi in modo del tutto pacifico, abbiamo manifestato il nostro dissenso rispetto ad una realtà continuamente e quotidianamente infestata dall’inquinamento proveniente anche dai roghi tossici e dalle aziende a forte impatto ambientale». 

Video

Durante la manifestazione, si è scatenata la violenza: «A causa di un individuo accorso sul luogo, la situazione è degenerata poiché con il suo atteggiamento ha aizzato la comunità rom che violentemente si è scagliata contro i manifestanti mettendo a rischio l’incolumità degli stessi attraverso il lancio di pietre, spranghe di legno e di metallo e qualsiasi altro oggetto nella loro disponibilità. Ancora una volta lo Stato ne esce sconfitto, ancora una volta si registra un’assenza di volontà di contrastare il fenomeno dei roghi tossici e degli sversamenti abusivi che sono alla base degli stessi. Noi, non ci lasceremo di certo intimidire e continueremo a segnalare e denunciare ogni crimine ambientale perpetrato ai danni di questa terra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA