Cartine e filtri per sigarette fai-da-te venduti senza licenza dai cinesi: maxisequestro a Napoli

Giovedì 9 Luglio 2020

Il I Gruppo della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato circa un milione di accessori per la produzione in proprio di sigarette, pronti per essere messi in vendita senza l’autorizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Gli articoli, tra cui cartine e filtri, sono stati individuati presso diverse attività commerciali gestite da cittadini di origine cinese e pakistana nei quartieri Mercato, San Pietro a Patierno e Pendino. Gli articoli sequestrati venivano venduti ad un prezzo concorrenziale rispetto ai rivenditori autorizzati, in totale evasione dell’imposta di consumo ed erano esposti al pubblico in una parte poco visibile dei negozi, spesso accostati ad altri prodotti di natura completamente diversa, per non attirare l’attenzione in caso di controlli. 
 


Dal 1 gennaio 2020 è stata introdotta con la Legge di Bilancio un’imposta di consumo per tutti i prodotti accessori dei tabacchi da fumo che possono essere venduti al pubblico esclusivamente da rivendite in possesso della licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli. In caso di vendita di questi articoli senza autorizzazioni, è prevista, oltre alla sanzione pecuniaria fino ad un massimo di 10.000 euro, anche la chiusura dell’esercizio o la sospensione della licenza  da 5 giorni ad 1 mese.

Ultimo aggiornamento: 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA