Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Procida 2022, bambini e architetti progettano insieme un futuro sostenibile

Venerdì 20 Maggio 2022
Procida 2022, bambini e architetti progettano insieme un futuro sostenibile

Una grande girandola nel tenimento agricolo del complesso di Palazzo d’Avalos, già carcere dell’isola. Costruita dai bambini insieme ai professionisti Ofl Architecture, un atelier di architettura interdisciplinare, a margine di un percorso laboratoriale che prevede un focus sulle fonti di energia rinnovabili e la progettazione di pale eoliche a forma di girandola, palloncini fotovoltaici, mulini ad acqua e altri oggetti - semplici e giocosi - da posizionare poi su una grande mappa di Procida per un’isola sostenibile e a misura di bambino.

Parte – con il primo appuntamento da venerdì 20 a domenica 22 maggio – il progetto «Restart from the future», a cura del Farm Cultural Park, galleria d'arte e residenza per artisti nata a Favara in provincia di Agrigento, e inserito nel programma culturale di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022. Accompagnati da sei tra i migliori giovani studi di architettura nazionali e internazionali, centinaia di bambini progetteranno sei micro-architetture sociali, in altrettanti appuntamenti programmati nei weekend da maggio ad ottobre. Dopo Ofl, saranno a Procida Maurizio Carta (27-28 maggio), Marco Imperadori (17-19 giugno), Laps Architecture (24-16 giugno), Mario Cucinella (9-11 settembre) e Analogique (2-4 ottobre).

Video

«L’obiettivo - spiega il direttore di Procida 2022, Agostino Riitano - è connettere le persone e i luoghi dell’isola generando una comunità di piccoli costruttori procidani chiamati a riprogettare insieme ai professionisti gli spazi dell’isola, creando una nuova piccola comunità di buone pratiche e condivisione. Sperimentiamo, con questo progetto, la possibilità di lasciare che l’ambiente si offra come spazio dell’educazione. Siamo convinti che la strada, lo spazio pubblico abbia valore educativo, uno spazio che si presta all’esplorazione e al gioco da parte dei bambini, all’apprendimento attraverso il confronto con i propri pari».

Per il primo appuntamento, i laboratori sono previsti venerdì 20 e sabato 21 maggio al Piazzale dei Misteri di Salita Castello (ore 15.30-18.00). Per Ofl, studio noto anche grazie a collaborazioni con Fuksas a Roma, Mad a Pechino e 3Gatti a Shanghai, saranno impegnati Francesco Lipari e Davide Cambiolo per il modulo legato alla sostenibilità e Marco Cecere (con la cooperativa sociale Avventure di latta) sul modulo legato all’inclusione. I bambini realizzeranno delle piccole girandole piegando lamiere che poi potranno anche colorare e far girare con il vento. Le girandole saranno una riproduzione di «Vrui Vrui», la grande girandola che verrà installata domenica - alle 11.30 - nel corso di un evento aperto al pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA