Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cilento, la storia di due gabbiani
salvati nel paese di Benvenuti al Sud

Lunedì 30 Agosto 2021 di Antonio Vuolo
Cilento, la storia di due gabbiani salvati nel paese di Benvenuti al Sud

Non è stato il gatto a insegnare loro a volare, come nella "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" di Luis Sepùlveda, ma due cittadini, che hanno salvato i due pennuti da una morte sicura. E' la storia a lieto fine che ha visto protagonisti nei giorni scorsi due gabbiani, tratti in salvo nei giorni scorsi, a distanza di poche ora l'uno dall'altro, sul litorale di Castellabate. Nel segno dell'ospitalità, che distingue quest'angolo paradisiaco di costa cilentana, Luigi De Rosa e Nicola Guariglia, volendo restare in tema romanzesco, hanno ricoperto il ruolo dei "salvatori". Sono stati, infatti, proprio loro due, in due situazioni completamente differenti, a salvare i due gabbiani. «Stava in difficoltà, senza muoversi, su uno scoglio - racconta Luigi De Rosa, titolare del lido Cocoa Beach alla frazione Lago - L'ho portato subito a terra per prestargli le prime cure e, poi, grazie anche all'intervento del dottor Di Dato, è stato trasferito all'ospedale veterinario di Napoli. Mi dicono che si stia riprendendo e mi fa piacere. Speriamo che torni  a volare nei nostri cieli per la gioia anche dei tanti bambini che l'hanno praticamente scortato quando l'ho soccorso». Poche ora prima, invece, il protagonista di uno storia simile era stato Nicola Guariglia, titolare della Masaniello Tourist. «Abbiamo salvato un gabbiano in difficoltà» ha poi raccontato, parlando di "Gabbo", il nome dato al pennuto, senza dimenticare le difficoltà per contattare Enti e Associazioni in grado di accogliere e curare il gabbiano. Ma alla fine anche lui ha trovato casa e cure presso il Parco Fluviale di Agropoli. 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA