L'elefante solo e depresso guarisce con la musicoterapia: tutto merito di Frank Sinatra

Martedì 24 Novembre 2020
L'elefante solo e depresso guarisce con la musicoterapia: tutto merito di Frank Sinatra...

Per 35 lunghi anni, quasi tutta la sua vita, un elefante è rimasto chiuso in uno zoo, vivendo da solo. La solitudine, alla fine, lo ha portato alla depressione e a gravi problemi di salute, dovuti probabilmente ad un'alimentazione sbagliata e alle pessime condizioni in cui veniva tenuto. Ora però per Kaavan, questo il nome dell'animale, arriva una nuova speranza: la mobilitazione internazionale degli animalisti ha fatto sì che l'elefante possa essere liberato e raggiungere una riserva naturale. Per farlo, però, era necessario che superasse la depressione.

 

Leggi anche > Orso, il pastore abruzzese che commuove l'Italia: cosa è successo

 

 

Kaavan, che ha sempre vissuto nello zoo di Islamabad, in Pakistan, sarà liberato per raggiungere il Santuario della vita silvestre, in Cambogia. La sua liberazione, che non sarebbe stata possibile senza le pressioni degli animalisti, è prevista per la prossima settimana ma prima di far partire per il lungo viaggio l'animale era indispensabile aiutarlo a combattere la depressione.

 

L'elefante, infatti, dovrà viaggiare per oltre 4mila chilometri all'interno di una gabbia di acciaio speciale ed è essenziale che il lungo tragitto venga percorso nel massimo relax possibile. Per questo motivo si è deciso di ricorrere alla musicoterapia, come ha spiegato al portale Mongabay il veterinario Amir Khalil: «Abbiamo provato vari metodi e hanno funzionato tutti, ma il migliore resta l'ascolto della musica».

 

Il veterinario, poi, aggiunge un dettaglio che dimostra come Kaavan abbia decisamente orecchio (d'altronde, per un elefante non potrebbe che essere così). «Abbiamo provato tante canzoni, di differenti artisti e generi musicali. L'unica che ha funzionato, però, è My Way di Frank Sinatra: solo con quel brano Kaavan si è tranquillizzato e sembra sentirsi molto meglio», aggiunge Amir Khalil.

Ultimo aggiornamento: 19:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA